Urbanistica sostenibile per Genova

Urbanistica sostenibile per Genova

Il Parco del Ponte a Genova immaginato dallo studio Stefano Boeri unisce tradizione industriale locale e tecnologie green del futuro

Lo studio di architettura milanese Stefano Boeri, assieme a Metrogramma di Andrea Boschetti e allo studio olandese Inside Outside di Petra Blaisse si è aggiudicato il progetto per il Parco del Ponte nell’area coinvolta dal crollo e dalla successiva demolizione delle porzioni restanti del ponte sul Polcevera a Genova.

Il progetto si articola in un insieme di parchi, infrastrutture per una mobilità sostenibile e di edifici destinati alla ricerca e alla produzione collegati da una passeggiata ciclo-pedonale che ha la forma di un cerchio di acciaio rosso. Il concetto è quello di un anello che racchiude l’area coinvolta in cui si alternano acqua, fango, cemento e asfalto. L’acciaio ricorda la tradizione industriale locale e mentre la passeggiata distribuisce l’energia rinnovabile prodotta da collettori termici e fotovoltaici installati sui tetti degli edifici.

Questa passeggiata è intesa come un percorso tra gli edifici, con rampe di accesso e uscita, ma sono previste aperture in spazi più ampi come piazze e tratti interrati per un progetto in simbiosi con il territorio e destinato ad unire e mettere in relazione i protagonisti architettonici del Parco. Al termine di questo percorso di circa un chilometro e mezzo andrà ad ergersi la Torre del Vento, una struttura di 120 metri di altezza in cui sarà installato un sistema di turbine eoliche.

L’energia rinnovabile, oltre ai materiali sostenibili usati per i rivestimenti degli edifici, sono gli elementi che guardano al futuro in questo progetto: in particolare all’interno della Torre del Vento, il sistema energetico è stato ideato con il contributo dello studio tedesco Transsolar che ha preso parte al team dei progettisti del Parco del Ponte.

Nelle intenzioni dei progettisti c’è la volontà di rivitalizzare un quartiere ricostruendone il sistema urbano in maniera da renderlo socialmente attivo e innovativo nel disegno e sostenibile a livello energetico. Il piano architettonico prevede la costruzione di diversi edifici ispirati al contempo all’architettura industriale e con i colori del Mediterraneo: si tratterà di cluster le cui superfici di copertura verranno destinate alla produzione di energia sostenibile.

Il verde non mancherà all’interno del Parco del Ponte, sono previste infatti aree verdi lungo tutto l’anello rosso, oltre che in porzioni destinate a a veri e propri giardini racchiusi in strip che insieme andranno a formare il parco botanico. Nel progetto del paesaggio evidentemente si terrà conto delle specie vegetali dell’area mediterranea, per rendere la vegetazione coerente con quella del panorama circostante. Inoltre, per ricordare il Ponte Morandi è prevista un’installazione concepita dall’artista Luca Vitone nella quale 43 alberi rappresenteranno il ponte e l’improvviso collasso.

Il Parco del Polcevera è destinato quindi a rivitalizzare il quartiere offrendo ai cittadini la possibilità di svolgere diverse attività al suo interno, ludiche e sportive in primis ma anche educative e di socializzazione.

Fonte: Professione Architetto