Architetti Vicenza: Chipperfield nella Basilica palladiana

Da sabato 12 maggio a domenica 2 settembre 2018 vi è una mostra imperdibile per tutti gli architetti di Vicenza e non solo. Si tratta infatti mostra David Chipperfield Architects Works 2018, organizzata dal Comune di Vicenza in collaborazione con l’associazione culturale Abacoarchitettura.

Basilica palladiana: il punto di riferimento degli architetti a Vicenza

Da anni punto di riferimento per gli architetti Vicenza e di tutto il mondo, la David Chipperfield Architects è stata fondata a Londra nel 1985 e da allora si pone come emblema dell’architettura contemporanea. Proprio quest’ultima è il fulcro della mostra che dopo ben 12 anni di restauri trova luce nella Basilica palladiana di Vicenza. D’altronde non poteva che essere altrimenti. La Basilica Palladiana, che deve il suo nome allo storico architetto Andrea Palladio, è dal 1994 patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO, ma soprattutto è  considerata un vero e proprio scrigno dell’architettura rinascimentale. Viste queste premesse è facile capire perché si presenti come il luogo ideale per ospitare una delle più affascinanti mostre di architettura contemporanea.

David Chipperfield Architects: architettura concepita come alto artigianato

La mostra David Chipperfield Architects propone una selezione di 15 progetti, alcuni conclusi, altri in fase di realizzazione, che sono esposti nelle varie fasi di sviluppo e relative attività svolte da uno studio di architettura contemporaneo. È possibile ammirare e comprendere appieno l’importanza di un lavoro di squadra e soprattutto la concezione alla base di ogni singolo progetto che vede l’architettura come alto artigianato. Ogni modello si presenta come una sorta di sfida a livello sia culturale che professionale, grazie ad un attento lavoro di team e dialogo costante con consulenti, clienti e soprattutto utenti finali. L’intento di questa mostra è quello di mostrare come vengono sviluppate le idee e come la David Chipperfield Architects sia in grado di lavorare contemporaneamente su più progetti, riuscendo in ogni caso a rispettare le varie culture, utilizzando risorse diverse.

L’importanza dei modelli

Una mostra, dunque, che si presenta come un vero e proprio punto di riferimento per gli architetti Vicenza, che hanno quindi l’occasione di ammirare alcune dei progetti di David Chipperfield Architects. A partire dagli schizzi delle fasi iniziali della fase di realizzazione di un progetto, passando per i disegni di dettaglio fino ad arrivare ai disegni costruttivi delle fasi finali, è possibile visionare anche fotografie e modelli dei progetti. Proprio i modelli sono considerati la novità più importante di questa mostra. Ben 40 sono i modelli presenti nella Basilica Palladiana e tra questi si annovera la ricostruzione di un pezzo di Piazza San Marco con le Procuratie Vecchie, il cui progetto di restauro è stato assegnato a David Chipperfield lo scorso anno dalle Assicurazioni Generali. Con l’intento di rispettare il patrimonio storico e culturale, in seguito alla ristrutturazione l’edificio verrà trasformato nella sede di The Human Safety Net, hub multiculturale ideato per esposizioni, eventi e dibattiti pubblici su problemi demografici e sociali.

La mostra David Chipperfield Architects, quindi, si presenta come un’importante punto di riferimento per tutti gli amanti dell’architettura contemporanea e in particolar modo per gli architetti Vicenza.

Fonte: Abitare

Immagini: David Chipperfield Architects

Architettura a Buenos Aires: gli origami architettonici

L’architettura delle abitazioni che sfruttano gli spazi

Ottenere il massimo da pochi metri quadrati. Uno dei principali obiettivi di chi si occupa di architettura e una vera e propria necessità in città dense come Buenos Aires dove ogni porzione di terreno è davvero importante e deve essere utilizzata al massimo delle sue potenzialità.

Ph Lavalleja, il progetto di CCPM Arquitectos

Lo sanno bene Constanza Chiozza e Pedro Magnasco, dello studio CCPM Arquitectos, che hanno realizzato una piccola casa, PH Lavalleja, e un’installazione con tubi di irrigazione e neon, la Galeria Hidrica, che hanno suscitato l’interesse di molti addetti ai lavori, e non solo. Presentata nell’abito di un ciclo di iniziative riguardanti l’ecologia urbana nel quartiere della Boca, PH Lavalleja è un vero e proprio origami all’interno di una fessura tra due terreni adiacenti, che si appoggia su un piccolo volume che serve da corridoio di collegamento tra due case esistenti. Piegando la membrana esterna della nuova casa, i progettisti sono riusciti ad accatastare verticalmente una serie di stanze collegate attraverso delle scale a chiocciola vertiginose. Una soluzione davvero innovativa grazie alla quale si è riusciti ad ottenere ben 89 metri quadrati di superficie disponibile.

Città che si espandono verso l’alto

La casa richiama il profilo casuale dei tetti di lamiera tipici delle residenze a uno o due piani della zona e il profilo segmentato di questo tetto che si piega su sé stesso finisce per diventare la vera facciata dell’edificio. È visibile dalle finestre dei vicini e consente di diffondere luce naturale grazie a finestre, lucernari e tagli collocati in punti strategici, spesso al di sopra delle scale in modo tale che la luce possa penetrare in profondità verso il basso. A dare un tocco in più la struttura vi è un piccolo giardino pensile a cui si può accedere dal salotto e che va a chiudere la cornice di PH Lavalleja. Il giardino, infatti, non è situato come di solito al pian terreno, bensì è sopraelevato, in modo tale da sfruttare in modo ottimale lo spazio.

L’origami in architettura

Un vero e proprio esempio di architettura moderna, quella di PH Lavalleja, che permette di sfruttare al meglio i terreni cittadini, senza dover necessariamente rinunciare ai propri spazi. Una propensione delle case verso l’alto a cui si abbina l’arte dell’origami. Quest’ultima ha da sempre attirato a sé l’attenzione di designer e architetti, per la sua capacità di offrire un senso di rigore e perfezione. In architettura, in particolare,  avviene la trasposizione più fedele della filosofia origami, poiché oltre a riproporre l’appeal delle forme si mira a conservare l’atto della piegatura fornendo allo stesso tempo un’ottima risposta in termini di aspetto e capacità di sfruttare al meglio gli spazi ridotti. Un esempio di architettura, quello proposto da CCPM Arquitectos, che dovrebbe essere utilizzato anche in altre realtà, in modo tale da garantire a tutti delle abitazioni più spaziose anche in presenza di terreni piccoli. A volte, infatti, basta solamente mette in moto la propria inventiva e la struttura PH Lavalleja è il chiaro esempio di architettura da utilizzare in centri urbani che continuano ad espandersi verso l’alto.

Fonte: Abitare

Un nuovo ingresso per il Victoria & Albert Museum – Londra

Continua la carrellata delle opere più influenti del 2017, che, per questo post, fa tappa a Londra.

Dall’estate 2017, infatti, l’Albert & Victoria Museum si completa con un nuovo cortile magnificamente progettato da Amanda Levete della ditta londinese AL_A.

Un compito complesso che ha previsto di aggiungere un nuovo design audace a un museo tradizionale in mattoni rossi, rendendo visibile una parte invisibile della struttura. L’architetto ha fatto questo progettando un cortile acuto e inclinato di oltre 10.000 piastrelle artigianali in ceramica . Da lì, i visitatori non saranno solo protagonisti, ma attirati a esplorare la vasta nuova galleria sottoterra.
L’ingresso è stato spostato su Exhibition Road – l’arteria culturale più importante della città e l’edificio si è completato con la galleria Sainsbury, 1100 metri quadrati di sala flessibile, libera da sostegni intermedi, creata appositamente per sostenere l’ ambizioso programma internazionale di mostre temporanee del V&A.

Lo spazio espositivo sotterraneo sarà destinato alle mostre temporanee, mentre il cortile pubblico e il nuovo ingresso creeranno un continuum tra il A&V Museum e gli adiacenti musei che si affacciano su una strada completamente riqualificata e pedonale, che ha l’obiettivo di diventare n il luogo dove la cultura e l’apprendimento sono accessibili a persone di ogni età e provenienza.

Architetti: AL_A , Amanda Levete Architects
Fonte: www.inexhibit.com

Un museo in stile neo-brutalista a Cape Town – Zeits MOCAAL

Lo studio di architettura londinese Heatherwick riprogetta i magazzini del grano di Cape Town e li trasforma nel museo di arte africana più grande del mondo.

Con oltre a 6.000 mq di esposizioni artistiche, lo Zeits MOCAA è il museo d’arte africana più grande del mondo e una vera e propria cattedrale dell’arte in stile neo-brutalista. Ospiterà le opere provenienti dalla Collezione Zeitz, (del 2002 dall’imprenditore Jochen Zeitz).
Diventerà inoltre sede di un istituto per le arti dedicato al costume, alla fotografia, alle performance e al cinema e comprende un giardino di sculture sul tetto, librerie, ristoranti, bar e sale letture.
Gli ultimi 6 piani dell’edificio sono stati destinati al The Silo Hotel un albergo di lusso con con vista panoramica sull’oceano.

La sfida affrontata è stata quella di riuscire a ricavare atri e gallerie sfruttando l’esistente struttura alveolare alta 10 piani, senza snaturare l’autenticità dell’edificio.

Le gallerie sono il frutto della trasformazione di altri 42 cilindri, mentre l’atrio è stato ricavato dal taglio di 22 dei 116 tubi cilindri di cemento, mentre ancora oggi visibili sulla sommità del soffitto.

Oliver Wainwright, di The Guardian, descrive il museo come

uno spazio elettrizzante di cilindri di cemento che si tuffano dal soffitto come stalattiti intagliate, attraverso le quali scivolano le scale a spirale e gli ascensori di vetro.

I magazzini del grano di Cape Town furono l’edificio più alto del Sudafrica, mentre oggi sono solo uno delle 22 mega costruzioni che punteggiano il V&A Waterfront, il nuovo quartiere in pieno sviluppo che sorge tra il porto di Città del Capo e la celebre Table Mountain.

Renderlo agibile al pubblico significa restitutire alla città il simbolo del suo passato industriale alimentando il traffico di quasi 100.000 persone che affollano ogni giorno le vie del lungomare.

L’amaro in bocca che rimane è quello di vedere spese ingenti somme di denaro per un museo privato, mentre i luoghi pubblici della cultura africana restano dimenticati; così come quello di vedere investire in complessi già molto turistici, senza pensare a percorsi alternativi che potrebbero contribuire ad un benessere più diffuso e meno turistico.

Fonte: www.architecturaldigest.com

Museo Lego a Billund – Danimarca

Chi di noi non è stato appassionato di mattoncini Lego?
Per la gioia di grandi e piccini, da qualche mese in Danimarca ha inaugurato la LEGO House – Home of the Brick, progettata da Bjarke Ingels Group (BIG) e costruita a Billbund, la città in cui i Lego furono inventati.

L’edificio si presenta come una vera e propria costruzione a grandezza naturale:

21 mattoni impilati uno sopra l’altro per 12.000 metri quadrati di attrazioni e divertimento.  La prova che gli elementi costitutivi dell’architettura possono essere trovati in qualsiasi parte del mondo, compresi i giocattoli per bambini.

L’edificio  è pieno di 25 milioni di mattoncini Lego in diverse aree espositive differenziate da diversi colori che hanno lo scopo di migliorare le capacità creative, cognitive, sociali ed emotive per i bambini (e i clienti di tutte le età).

Il piano terra è destinato ai negozi e alle attività di ristorazione, la storia dei mattoncini Lego occupa il seminterrato, mentre la galleria al piano superiore

Uno sviluppo architettonico sposa la filosofia del gioco, la semplicità e la creatività, caratteristiche che attireranno fino a 2.000 visitatori al giorno

Progetto: BIG – Bjarke Ingels Group
Fonte: Corriere Viaggi