Architettura in Europa: le opere concluse nel 2018

10 opere di architettura tra le più significative del 2018

La fine dell’anno si avvicina ed è giunto il momento di tirare le somme anche in ambito architettura.
Quali città e quali edifici hanno caratterizzato maggiormente l’architettura del 2018 in Europa?
Capolavori di piccole e grandi dimensioni accomunate tutte da un concept di fondo: creare nuove connessioni tra i diversi luoghi delle città, recuperando spazi e strutture pre-esistenti.

Architettura in Danimarca: regina delle nuove prospettive

Copenaghen, la capitale danese vanta ben 4 opere degne di essere menzionate:

  • BLOX: lo studio di architettura Oma firma il nuovo punto di riferimento nel paesaggio del porto di Copenaghen. Un grande edificio composto da parellelepipedi crea un passaggio pubblico che sovrasta l’arteria stradale principale che connette l’area urbana del porto con il Parlamento. Blox al suo interno ospita il DAC (Danish Architecture Center) e spazi produttivi di co-working, ristoranti, appartamenti, parcheggi automatizzati e nuove piazze cittadine.
    Sul tetto, il rooftop cafè offre una vista panoramica sul porto
  • SILO: lo studio di architettura COBE termina la trasformazione di un silo a Nordhavn (zona portuale) in moderni appartamenti che conciliano l’anima industriale all’interno con una facciata in acciaio zincato all’esterno.
    Il pluripremiato progetto ha vinto, tra gli altri, il Best Tall Building Europe 201 del Ctbuh (Council on Tall Buildings and Urban Habitat).
  • LA GRU: sempre nel porto danese, lo studio di architettura Arcgency rifunzionalizza una gru adibita al carico di carbone in un lussuoso appartamento con sala riunioni, spa e terrazza panoramica
  • LA TORRE MAERS: la Facoltà di Salute e Scienze Mediche dell’Università di Copenaghen si estende oggi nella nuova torre progettata dallo studio C.F. Møller Architects adibita a centro di ricerca in ambito sanitario. Oltre alle aule e ai labOratori di ricerca, la torre è dotata di tecnologie all’avanguardia, auditorium esale riunioni

Sempre in Danimarca, a Vejle, l’artista Olafur Eliasson firma un’opera d’arte architettonica per la società Kirk Kapital.
Il Fjordenhus è un’opera d’arte completa, aperta al pubblico al piano terra.
Come una moderna Venere, il Fjordenhus sembra affiorare dall’acqua. Al suo interno anche l’arredamento e l’illuminazione sono state progettate per essere all’altezza dell’opera generale.

Sempre in Danimarca, a Vejle, l’artista Olafur Eliasson firma un’opera d’arte architettonica per la società Kirk Kapital.
Il Fjordenhus è un’opera d’arte completa, aperta al pubblico al piano terra.
Come una moderna Venere, il Fjordenhus sembra affiorare dall’acqua. Al suo interno anche l’arredamento e l’illuminazione sono state progettate per essere all’altezza dell’opera generale.

Architettura inglese 2018

Della riqualificazione urbana di Londra ne abbiamo più volte parlato. E anche oggi una menzione alla città britannica è d’obbligo per la moltitudine di opere concluse nell’anno in corso.

  • Il padiglione temporaneo della Serpentine Gallery, immersa nel verde dei giardini di Kensington, è stata affidata all’artista messicana Frida Escobedo. Utilizzando tegole in cemento, l’artista riesce a creare un sottile gioco di luci e ombre che ricordano i cortili messicani, con contaminazioni derivanti dai materiali e dalla storia britannica
  • La nuova London Bridge Station, proprio nei pressi del celebre Shard di Renzo Piano, conclude la riqualificazione dell’area urbana iniziato nel 2013 e che è sempre rimasta in funzione.
    La nuova infrastruttura concilia il vecchio edificio con una nuova concezione di luogo pubblico dimensionato per ospitare oltre 50 milioni di passeggeri all’anno.
    Tutti gli interventi mirano a creare ampi spazi pubblici così da riqualificare il Southbank
  • Maggie’s Centres, le case inglesi adibite al sostegno morale e psicologico ai malati oncologici, vivacizza il centro della capitale britannica: riconoscibili per il rivestimento di vetro bianco con inserti di colorati, studiato appositamente per l’edificio, crea un gioco di luce e ampi spazi che sono stati i principi ispiratori del progetto firmato dallo statunitense Steven Holl Architects.
  • Si concludono anche i lavori di ampliamento della Royal Academy of Arts guidati da David Chipperfield Architects. La progettazione ha messo in connessione i due edifici dell’accademia, adeguandoli tecnologicamente e funzionalmente.
  • Anche Bloomberg nella City di Londra cambia veste.
    Una riqualificazione progettatata da Norman Foster finalista al RIBA Stirling Prize, il premio per le migliori architetture del Regno Unito.

Per completare la panoramica delle opere nel Regno Unito, una citazione alle nuove distillerie di whisky Maccalan, in Scozia progettate dallo studio di architettura Rogers Stirk Harbour + Partners che ha creato nuovi ambienti funzionali per accogliere i visitatori rivelando i processi di produzione, circondati dalla splendida natura circostante.

Ma altre 10 opere hanno arricchito l’Europa. Le scopriremo la prossima settimana.

Il waterfront di Dundee riparte dall’architettura – Riqualificazione Urbana

Si concludono i lavori del nuovo Victoria & Albert Museum,  il primo edificio in Scozia dedicato all’arte contemporanea e inaugurato nel settembre 2018.

Il progetto vincitore del concorso internazionale di architettura del gennaio 2010 è firmato dall’archistar giapponese Kengo Kuma, che realizza così il suo primo edificio nel Regno Unito.

L’ architettura del nuovo Victoria & Albert Museum  propone di riqualificare l’area del waterfront rielaborando l’importante storia commerciale e marittima di Dundee. Un’opera attiva e dinamica che crea una connessione tra la città e il vicino fiume Tay, emblema dell’importante passato commerciale della città.

Un’ architettura che mira a tradurre l’unicità geografica del paesaggio scozzese, che crea una sorta di scogliera in città, che a vederla da lontano sembra la prua di una grande nave che prende il largo verso il vicino Mare del Nord.

Esattamente come il profilo delle frastagliate scogliere della Scozia nord-orientale, l’architettura delle pareti esterne del museo è stata progettata con un rivestimento di oltre 2466 elementi in pietra incastrati tra le lastre di cemento che proiettano ombre sempre diverse sulle facciate dell’edificio durante il giorno.

L’obiettivo del designer è stato quello di evitare pareti verticali e proporre un design moderno che trae ispirazione dalla “conversazione tra terra e mare” tipico del paesaggio scozzese.

Il Victoria & Albert Museum di Dundee ha l’obiettivo di diventare il vero e proprio centro culturale della zona:

  • lo spazio di 8500 mq è definito da due piramidi rovesciate che si incontrano all’apice creando lo spazio per le esposizioni;
  • la torsione degli edifici, in questo modo, segue la direzione delle due principali vie della città.
  • Si viene a creare una sorta di porta urbana integrata con la viabilità cittadina, che  ricorda l’Arco Reale costruito per commemorare  l’arrivo della regina Vittoria e al principe Alberto.

Oltre alle due gallerie per le esposizioni, l’ auditorium e le attività commerciali, il museo ospita aree aperte dedicate a laboratori e workshop per interagire con i visitatori e stimolare alla creatività.

Un progetto architettonico lungimirante, che ha visto raddoppiare l’investimento stimato: il costo complessivo è infatti salito a 80 milioni di sterline.

Fonte: Domus
Photo: Kengo Kuma & Associates

Architetti Vicenza: Chipperfield nella Basilica palladiana

Da sabato 12 maggio a domenica 2 settembre 2018 vi è una mostra imperdibile per tutti gli architetti di Vicenza e non solo. Si tratta infatti mostra David Chipperfield Architects Works 2018, organizzata dal Comune di Vicenza in collaborazione con l’associazione culturale Abacoarchitettura.

Basilica palladiana: il punto di riferimento degli architetti a Vicenza

Da anni punto di riferimento per gli architetti Vicenza e di tutto il mondo, la David Chipperfield Architects è stata fondata a Londra nel 1985 e da allora si pone come emblema dell’architettura contemporanea. Proprio quest’ultima è il fulcro della mostra che dopo ben 12 anni di restauri trova luce nella Basilica palladiana di Vicenza. D’altronde non poteva che essere altrimenti. La Basilica Palladiana, che deve il suo nome allo storico architetto Andrea Palladio, è dal 1994 patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO, ma soprattutto è  considerata un vero e proprio scrigno dell’architettura rinascimentale. Viste queste premesse è facile capire perché si presenti come il luogo ideale per ospitare una delle più affascinanti mostre di architettura contemporanea.

David Chipperfield Architects: architettura concepita come alto artigianato

La mostra David Chipperfield Architects propone una selezione di 15 progetti, alcuni conclusi, altri in fase di realizzazione, che sono esposti nelle varie fasi di sviluppo e relative attività svolte da uno studio di architettura contemporaneo. È possibile ammirare e comprendere appieno l’importanza di un lavoro di squadra e soprattutto la concezione alla base di ogni singolo progetto che vede l’architettura come alto artigianato. Ogni modello si presenta come una sorta di sfida a livello sia culturale che professionale, grazie ad un attento lavoro di team e dialogo costante con consulenti, clienti e soprattutto utenti finali. L’intento di questa mostra è quello di mostrare come vengono sviluppate le idee e come la David Chipperfield Architects sia in grado di lavorare contemporaneamente su più progetti, riuscendo in ogni caso a rispettare le varie culture, utilizzando risorse diverse.

L’importanza dei modelli

Una mostra, dunque, che si presenta come un vero e proprio punto di riferimento per gli architetti Vicenza, che hanno quindi l’occasione di ammirare alcune dei progetti di David Chipperfield Architects. A partire dagli schizzi delle fasi iniziali della fase di realizzazione di un progetto, passando per i disegni di dettaglio fino ad arrivare ai disegni costruttivi delle fasi finali, è possibile visionare anche fotografie e modelli dei progetti. Proprio i modelli sono considerati la novità più importante di questa mostra. Ben 40 sono i modelli presenti nella Basilica Palladiana e tra questi si annovera la ricostruzione di un pezzo di Piazza San Marco con le Procuratie Vecchie, il cui progetto di restauro è stato assegnato a David Chipperfield lo scorso anno dalle Assicurazioni Generali. Con l’intento di rispettare il patrimonio storico e culturale, in seguito alla ristrutturazione l’edificio verrà trasformato nella sede di The Human Safety Net, hub multiculturale ideato per esposizioni, eventi e dibattiti pubblici su problemi demografici e sociali.

La mostra David Chipperfield Architects, quindi, si presenta come un’importante punto di riferimento per tutti gli amanti dell’architettura contemporanea e in particolar modo per gli architetti Vicenza.

Fonte: Abitare

Immagini: David Chipperfield Architects

Architettura a Buenos Aires: gli origami architettonici

L’architettura delle abitazioni che sfruttano gli spazi

Ottenere il massimo da pochi metri quadrati. Uno dei principali obiettivi di chi si occupa di architettura e una vera e propria necessità in città dense come Buenos Aires dove ogni porzione di terreno è davvero importante e deve essere utilizzata al massimo delle sue potenzialità.

Ph Lavalleja, il progetto di CCPM Arquitectos

Lo sanno bene Constanza Chiozza e Pedro Magnasco, dello studio CCPM Arquitectos, che hanno realizzato una piccola casa, PH Lavalleja, e un’installazione con tubi di irrigazione e neon, la Galeria Hidrica, che hanno suscitato l’interesse di molti addetti ai lavori, e non solo. Presentata nell’abito di un ciclo di iniziative riguardanti l’ecologia urbana nel quartiere della Boca, PH Lavalleja è un vero e proprio origami all’interno di una fessura tra due terreni adiacenti, che si appoggia su un piccolo volume che serve da corridoio di collegamento tra due case esistenti. Piegando la membrana esterna della nuova casa, i progettisti sono riusciti ad accatastare verticalmente una serie di stanze collegate attraverso delle scale a chiocciola vertiginose. Una soluzione davvero innovativa grazie alla quale si è riusciti ad ottenere ben 89 metri quadrati di superficie disponibile.

Città che si espandono verso l’alto

La casa richiama il profilo casuale dei tetti di lamiera tipici delle residenze a uno o due piani della zona e il profilo segmentato di questo tetto che si piega su sé stesso finisce per diventare la vera facciata dell’edificio. È visibile dalle finestre dei vicini e consente di diffondere luce naturale grazie a finestre, lucernari e tagli collocati in punti strategici, spesso al di sopra delle scale in modo tale che la luce possa penetrare in profondità verso il basso. A dare un tocco in più la struttura vi è un piccolo giardino pensile a cui si può accedere dal salotto e che va a chiudere la cornice di PH Lavalleja. Il giardino, infatti, non è situato come di solito al pian terreno, bensì è sopraelevato, in modo tale da sfruttare in modo ottimale lo spazio.

L’origami in architettura

Un vero e proprio esempio di architettura moderna, quella di PH Lavalleja, che permette di sfruttare al meglio i terreni cittadini, senza dover necessariamente rinunciare ai propri spazi. Una propensione delle case verso l’alto a cui si abbina l’arte dell’origami. Quest’ultima ha da sempre attirato a sé l’attenzione di designer e architetti, per la sua capacità di offrire un senso di rigore e perfezione. In architettura, in particolare,  avviene la trasposizione più fedele della filosofia origami, poiché oltre a riproporre l’appeal delle forme si mira a conservare l’atto della piegatura fornendo allo stesso tempo un’ottima risposta in termini di aspetto e capacità di sfruttare al meglio gli spazi ridotti. Un esempio di architettura, quello proposto da CCPM Arquitectos, che dovrebbe essere utilizzato anche in altre realtà, in modo tale da garantire a tutti delle abitazioni più spaziose anche in presenza di terreni piccoli. A volte, infatti, basta solamente mette in moto la propria inventiva e la struttura PH Lavalleja è il chiaro esempio di architettura da utilizzare in centri urbani che continuano ad espandersi verso l’alto.

Fonte: Abitare

Un nuovo ingresso per il Victoria & Albert Museum – Londra

Continua la carrellata delle opere più influenti del 2017, che, per questo post, fa tappa a Londra.

Dall’estate 2017, infatti, l’Albert & Victoria Museum si completa con un nuovo cortile magnificamente progettato da Amanda Levete della ditta londinese AL_A.

Un compito complesso che ha previsto di aggiungere un nuovo design audace a un museo tradizionale in mattoni rossi, rendendo visibile una parte invisibile della struttura. L’architetto ha fatto questo progettando un cortile acuto e inclinato di oltre 10.000 piastrelle artigianali in ceramica . Da lì, i visitatori non saranno solo protagonisti, ma attirati a esplorare la vasta nuova galleria sottoterra.
L’ingresso è stato spostato su Exhibition Road – l’arteria culturale più importante della città e l’edificio si è completato con la galleria Sainsbury, 1100 metri quadrati di sala flessibile, libera da sostegni intermedi, creata appositamente per sostenere l’ ambizioso programma internazionale di mostre temporanee del V&A.

Lo spazio espositivo sotterraneo sarà destinato alle mostre temporanee, mentre il cortile pubblico e il nuovo ingresso creeranno un continuum tra il A&V Museum e gli adiacenti musei che si affacciano su una strada completamente riqualificata e pedonale, che ha l’obiettivo di diventare n il luogo dove la cultura e l’apprendimento sono accessibili a persone di ogni età e provenienza.

Architetti: AL_A , Amanda Levete Architects
Fonte: www.inexhibit.com