Il progetto architettonico dell’Università – Dublino

Lo University College di Dublino ha bandito un concorso internazionale per la realizzazione di un progetto architettonico finalizzato all’ampliamento dei propri spazi. A partecipare sono stati 98 team di lavoro provenienti da quasi 30 Paesi diversi: una prima selezione ha permesso di ridurre il campo a 6 candidature, prima della proclamazione del vincitore, che è stato individuato nel team di Steven Hall Architects, che si è avvalso della collaborazione degli ingegneri strutturali di Arup, degli analisti statunitensi di Brightstop Strategy, degli ingegneri ambientali di Transsola, degli urbanisti e dei paesaggisti di Harrison Stevens e degli architetti locali di Kavanagh Tuite Architects.

Fonte e immagini: Artribune

Gli elementi chiave del progetto architettonico

Lo scopo del bando era quello di fare in modo che l’ateneo irlandese potesse contare su un nuovo ambiente in grado di promuovere e favorire un importante senso di comunità, con il coinvolgimento sia degli studenti che degli insegnanti, per ispirare innovatori e visitatori. Un altro degli obiettivi indicati era quello di garantire all’università una maggiore visibilità, rendendola un luogo di ricerca internazionale e di apprendimento dinamico. Tra le finalità che dovevano essere garantite dai candidati c’era anche l’efficienza energetica: veniva richiesto, infatti, di compiere scelte progettuali che, nel rispetto della biodiversità del campus, fossero in grado di coniugare la conservazione dell’ambiente naturale con tecnologie ecologiche.

Il team di Steven Holl Architects, quindi, ha convinto la giuria per tutti questi aspetti, e al contempo ha fatto in modo che nell’identità dell’ateneo divenissero fondamentali valori come la sostenibilità, l’innovazione e la creatività. La strategia che è stata scelta dai vincitori è stata quella di dare vita a un centro per il design che costituisse un portale di ingresso a un sistema di verde pubblico articolato in sette corti nuove. Le forme prismatiche che sono state ideate si ispirano a un sito patrimonio Unesco dell’Irlanda, il Giant’s Causeway, che è un affioramento di natura rocciosa che si trova sul litorale orientale del Paese.

Ecco, quindi, che il team di Steven Holl ha concepito uno specchio d’acqua riflettente e una piazza, mentre a garantire la notevole illuminazione naturale dell’edificio sono due strutture verticali con una inclinazione di 23 gradi. Ovviamente, questo angolo di inclinazione non è stato scelto a caso, ma corrisponde a quello di inclinazione assiale del nostro pianeta.

Fonte e immagini: Artribune

Marina One: il cuore verde di Singapore | Architettura Green

Architettura Green a Singapore – il progetto Marina One

Marina One è un complesso di edifici ad uso misto ad alta intensità situato nel cuore di Marina Bay, il quartiere finanziario di Singapore.

L’impatto dall’esterno è quello di una gigantesca fortezza rettangolare, mentre in realtà cela un progetto di architettura green che si esprima attraverso un giardino tropicale che sale fino alla sommità delle torri più alte di 34 piani.

Il progetto urbanistico, curato dallo studio Ingenhoven Architects ,  si è aggiudicato il Mipim Award 2018 come Best Innovative Green Building.

L’approccio architettonico

Il complesso comprende due torri di uffici, due torri residenziali e un’area residenziale incastonata in una vegetazione lussureggiante.

L’imponente facciata esterna, massiccia e cupa, asseconda i colori dell’attuale sviluppo urbano della città di Singapore, lasciando l’anima verde all’interno del complesso, nella grande Piazza pubblica del Central Business District che è un vero e proprio giardino di biodiversità.

L’architettura degli edifici è composta da una serie di passerelle frangisole, giardini pensili, torri sopraelevate e una forma studiate appositamente per migliorare il circolo dell’aria, creando un microclima confortevole e l’incremento della biodiversità all’interno dei molteplici livelli del giardino.

Grazie al concetto integrale di supergreen® di architetti Ingenhoven, un approccio architettonico completo e ambizioso, Marina One mira a riqualificare la città.

Il design è compatto ed efficiente, con sistemi di ventilazione a risparmio energetico, un sistema di schermatura solare esterno altamente efficace e vetri ad alte prestazioni per ridurre la radiazione solare diretta nell’edificio.

Un sistema centrale di raccolta di acqua piovana nel permette il recupero e il successivo uso per scopi sanitari così da ridurre il consumo di acqua potabile.

Il complesso è in collegamento diretto con le principali linee della metropolitana e degli autobus ed è dotato di parcheggi per biciclette e di lotti di auto elettriche riducono significativamente le emissioni causate dal traffico individuale.

Le 1.042 residenze ospitate nelle due torri di 34 piani variano per dimensioni ma non per qualità dei dettagli green con cui sono state realizzate.

Uno spazio verde da vivere

Marina One, grazie alla varietà di offerte commerciali e per gli spazi per gli eventi sulle terrazze pubbliche è il luogo pubblico di incontro più grande di tutto il CBD di Singapore e in poc tempo sarà  presto un cuore pulsante di grande richiamo, per i cittadini e per i principali player del mercato (Facebook, ad esempio, occupa il 28 piano)

Una giungla in città

L’intuizione di una giungla in città nasce dal suo progettista Christoph Ingenhoven con l’intento di ricreare un ambiente che potesse crescere in modo del tutto naturale, come lui stesso racconta.

Le piante crescono all’interno di un’armatura serpentine che svolgono il ruolo di schermi naturali dai raggi diretti del sole che si sovrappongo ai volumi dando un gioco di spazi dalle dimensioni straordinarie.

Core business dello Studio  Ingenhoven di Düsseldorf è la progettazione di edifici green fin dagli anni Novanta: a loro di deve la RWE-Turm a Essen, la prima torre in Europa con una facciata “che respira”.

L’anima verde in sintesi:

  • Landscape designer: Kathryn Gustafson.
  • Area verde complessiva (compresi tetti,…): 3,7 ettari
  • Varietà di piante: 350, tra cui piante da sottobosco e 42 specie di alberi, 717 in totale.
  • Le essenze rinfrescano gli edifici, riducono l’inquinamento e producono abbastanza ossigeno per far respirare 500 persone.

Fonte: Abitare
Photo: HG Esch

I frutti di Marta a Villa Zileri

“I frutti di Marta” è un’azienda agricola della provincia di Vicenza. Fondata da Marta e Eugenio, si avvale della collaborazione di altri quattro soci.

L’azienda si trova a Monteviale, nel parco di Villa Zileri, e propone una forma di agricoltura sociale, prevedendo cioè l’inclusione di persone svantaggiate, e la possibilità di inserimenti lavorativi e attività terapeutiche rivolte a soggetti con disabilità psico-fisiche.

 

Il progetto attuale principale de “I frutti di Marta” riguarda la creazione di un frutteto dal sapore antico, laddove quella terra che ora è parte di un bosco, era un tempo lavorata dall’uomo. In questa area sono esistiti per secoli terrazzamenti coltivati a vite, che ora verranno convertiti nella coltivazione di mele e pere “antiche”, e piccoli frutti rossi.

L’idea è che il frutteto diventi un elemento del parco di Villa Zileri, al quale apporterà il beneficio della propria bellezza e dei colori dei frutti, all’ombra dei quali sarà possibile sostare durante la passeggiata nel parco.

Il contesto naturale è infatti di grande importanza: il parco di Villa Zileri è un esempio di armonia fra il paesaggio collinare circostante, e gli elementi storici e culturali che caratterizzano il parco della villa seicentesca.

Ma non solo: come è naturale, la frutta sarà destinata a diventare un piacere per il palato nella forma di marmellate, composte, conserve e mostarde, tutti prodotti di frutta biologica, e quindi sana.

L’obiettivo del progetto è quello di porre cura in qualcosa che, nel suo “piccolo”, porti benessere a chi ne vorrà fruire. Nel lungo termine verranno create anche serre invernali per i frutti piccoli; gli impianti “pilota” serviranno a individuare le varietà di frutti più adatte a essere scelte per la coltivazione.

I frutti del raccolto ottenuto saranno poi venduti attraverso la rete dei Gruppi di Acquisto Solidale (GAS), e  distribuiti attraverso i negozi che propongono prodotti provenienti da progetti di Agricoltura Sociale.

Si tratta di un progetto di semplice realizzazione solo in apparenza, ma che in realtà richiede molta cura e attenzione, che non mancano da parte di chi, come i soci dell’azienda agricola “I frutti di Marta”, ha a cuore l’armonia fra natura ed essere umano, ben rappresentata dalla coltivazione di un alimento naturale, sano e nutriente come la frutta.

 

 

 

Quando i bambini imparano da Madre Natura

Anche in Italia nascono gli asili e le scuole nel bosco

L’outdoor education è la proposta formativa rivolta a bambini della scuola dell’infanzia già comunemente praticata in tutti i Paesi del Nord Europa.

Da qualche anno, anche l’Italia stanno nascendo scuole all’aria aperta, in cui i bambini vengono stimolati ad esprimere i propri talenti senza costrizioni o divieti.

Pioneristico in tal senso è l’esempio dell’Asilo nel Bosco di Ostia, nato grazie all’Associazione Manes e l’Emilio, che sta prendendo piede in tutto il territorio italiano.

Non più classi e banchi di scuola, quindi, ma semplicemente l’osservazione e la frequentazione di Madre Natura per stimolare negli alunni curiosità, creatività, autonomia e immaginazione.

Il modello educativo, innovative nel panorama italiano, si affianca all’approccio pedagogico della  pedagogia dei talenti combinando insieme diversi  modelli educativi – steineriano libertario, metodo Montessori – e li mette al servizio dell’unicità del bambino, dei suoi bisogni, con l’obiettivo di far emergere i talenti che ha già dentro.

Cosa si fa in una scuola nel bosco?

Gli obiettivi della scuola sono gli stessi richiesti dal Ministero dell’Istruzione.

Ciò che cambia è la modalità di approccio alla lezione, che sfrutta le opportunità offerte dal contesto naturale con percorsi didattici individuali, dove ogni alunno è stimolato ad imparare per il piacere di farlo senza l’assillo del giudizio e del voto.

scuola e natira

I costi della scuola nel bosco

E’ stato calcolato che questo tipo di scuola costa circa l’80% in meno di un istituto pubblico tradizionale.

Nonostante ciò, questo modello formativo è ancora poco diffuso anche perchè in Italia resiste una visione centralizzata dell’offerta scolastica, che rende difficile le sperimentazioni.

Basti pensare che l’ultima legge italiana sulla scuola dell’infanzia e sulla primaria risale ad oltre 40 anni fa, e che meriterebbe più attenzione per la creazione di scuole al passo con l’innovazione pedagogica.

Scopri di più sulla scuola nel bosco

Micro architettura ecologica

La casa compatta di Muji

Il sogno green di abbattere l’economia del mattone, per preferire abitazioni più ecologiche ed eco-compatibile, senza ingombri, senza obblighi è un sogno sempre più vicino alla realtà.

A renderlo attuale ci ha pensato Muji, brand giapponese no-logo, che alla Tokyo Design Week presenta la prima vera casa compatta (solo 9 mq.), prefabbricata e low-cost.

La progettazione è minimal e funzionale, come ci si aspetta da un prodotto Muji:
una grande porta scorrevole in vetro (originariamente progettata per un negozio) regala grande luminosità, mentre la ventilazione è affidata alla piccola finestra posta sul retro.

La struttura è interamente realizzata in legno giapponese, le pareti esterne sono trattate con un metodo shou sugi di “carbonizzazione” un materiale isolante usato per le antiche navi del Sol Levante, atto a prolungare la durata del materiale e a renderlo maggiormente resistente agli agenti atmosferici, impermeabile e ignifugo.

Anche gli interni, in cipresso non trattato e compensato, sono lineari e puliti: un design minimale che lascia libertà di finitura ai proprietari.

Fondamenta in calcestruzzo, infine, isolano dal terreno e migliorano la durata della struttura.

La casa ha una veranda sull’ingresso, adatta a ospitare 3-4 persone.

Quando sarà possibile acquistarla?

L’obiettivo Muji è di metterla in commercio entro la fine dell’anno al costo di 21.000 sterline

Leggi l’articolo originale su Dezeen