Abitare moderno: trasformare l’officina in un loft

Case moderne: il loft open space nello spazio di un’officina a Bologna

Lo studio MIRO architetti ha realizzato un luminoso e lineare spazio abitativo riconvertendo quella che era una vecchia officina meccanica nella periferia di Bologna.

Una riqualificazione di uno spazio industriale in una casa moderna: la progettazione di questo loft ha previsto una ridistribuzione degli spazi inserendo un volume che ha il duplice vantaggio di separare la zona giorno dalla zona notte e nascondere al suo interno gli spazi di servizio, nello specifico due bagni, un ripostiglio e una dispensa per la cucina.
Questo espediente risulta a livello visivo particolarmente efficace perché ridisegna una geometria longitudinale altrimenti monotona, conferendo all’unità abitativa un movimento e un dinamismo che in caso contrario sarebbero risultati assenti.
Le aperture per dare accesso agli spazi di servizio sono state realizzate in modo da scomparire alla vista una volta chiuse in maniera tale da mantenere una linea pulita sulla parete.

Oltre questo volume la zona notte si differenzia dal resto della superficie abitativa per un cambio di quota leggero ma significativo, due gradini sviluppati oltre l’angolo retto della parete e conseguentemente nascosti alla vista dall’ingresso.

Il progetto realizzato dallo studio MIRO architetti ha puntato alla riconversione dello spazio mantenendo inalterati alcuni tratti tipicamente industriali dello stesso, primo su tutti quello che definisce la struttura dei serramenti e degli infissi. Questi ultimi presentano infatti un profilo in ferro tipico delle officine il cui beneficio, oltre alla coerenza estetica, è quello di ridurre gli ingombri permettendo una maggiore luminosità del locale senza però metterne in discussione le prestazioni termiche.

Il lavoro degli architetti dello studio che ha disegnato questo loft dimostra che uno spazio industriale può diventare un’abitazione funzionale senza perdere i tratti distintivi della sua personalità, anzi accrescendo la propria attrattiva.

Fonte: Archiportale