Progetto architettonico dell’Università a Dublino

Lo University College di Dublino ha bandito un concorso internazionale per la realizzazione di un progetto architettonico finalizzato all’ampliamento dei propri spazi. A partecipare sono stati 98 team di lavoro provenienti da quasi 30 Paesi diversi: una prima selezione ha permesso di ridurre il campo a 6 candidature, prima della proclamazione del vincitore, che è stato individuato nel team di Steven Hall Architects, che si è avvalso della collaborazione degli ingegneri strutturali di Arup, degli analisti statunitensi di Brightstop Strategy, degli ingegneri ambientali di Transsola, degli urbanisti e dei paesaggisti di Harrison Stevens e degli architetti locali di Kavanagh Tuite Architects.

Fonte e immagini: Artribune

Gli elementi chiave del progetto architettonico

Lo scopo del bando era quello di fare in modo che l’ateneo irlandese potesse contare su un nuovo ambiente in grado di promuovere e favorire un importante senso di comunità, con il coinvolgimento sia degli studenti che degli insegnanti, per ispirare innovatori e visitatori. Un altro degli obiettivi indicati era quello di garantire all’università una maggiore visibilità, rendendola un luogo di ricerca internazionale e di apprendimento dinamico. Tra le finalità che dovevano essere garantite dai candidati c’era anche l’efficienza energetica: veniva richiesto, infatti, di compiere scelte progettuali che, nel rispetto della biodiversità del campus, fossero in grado di coniugare la conservazione dell’ambiente naturale con tecnologie ecologiche.

Il team di Steven Holl Architects, quindi, ha convinto la giuria per tutti questi aspetti, e al contempo ha fatto in modo che nell’identità dell’ateneo divenissero fondamentali valori come la sostenibilità, l’innovazione e la creatività. La strategia che è stata scelta dai vincitori è stata quella di dare vita a un centro per il design che costituisse un portale di ingresso a un sistema di verde pubblico articolato in sette corti nuove. Le forme prismatiche che sono state ideate si ispirano a un sito patrimonio Unesco dell’Irlanda, il Giant’s Causeway, che è un affioramento di natura rocciosa che si trova sul litorale orientale del Paese.

Ecco, quindi, che il team di Steven Holl ha concepito uno specchio d’acqua riflettente e una piazza, mentre a garantire la notevole illuminazione naturale dell’edificio sono due strutture verticali con una inclinazione di 23 gradi. Ovviamente, questo angolo di inclinazione non è stato scelto a caso, ma corrisponde a quello di inclinazione assiale del nostro pianeta.

Fonte e immagini: Artribune