Federico Babina: un secolo raccontato attraverso le case

Federico Babina è un architetto/designer multitasking bolognese.
Attraverso le sue opere crea un dialogo tra la casa e i personaggi che vuole raccontare.

Architale, per esempio, narra i personaggi delle fiabe attraverso le loro abitazioni: il naso di Pinocchio, l’ago della Bella Addormentata, la mela di Biancaneve o la lampada di Aladdin.

Guarda tutte le illustrazioni di Architale

In “Archidirector” sceglie di mettere in luce il filo sottile che lega gli architetti ai registi.

“I registi sono gli architetti del cinema”,

dice Babina in un’intervista.
E lo sono nel momento in cui, le storie che creano e che ci incollano allo schermo, sono luoghi che accolgono lo spettatore per tutta la durata del film.

27 case immaginarie per 27 registri tra i più famosi, da Antonioni ai Fratelli Coen.
Babina trasforma in forme architettoniche l’espressione artistica di ogni registra, dove ogni dettagli ne sottolinea la personalità, il linguaggio, lo stile.

Tutte le illustrazioni di Archidirector

Stessa tecnica anche per la ridefinizione degli stili di “Archistyle
Una cronologia di movimenti architettonici nello stile che Babina ci ha abituato a iper-scrutare, dove Bauhaus, decostruttivismo,, Futurismo ed Espressionismo, si lasciano ammirare e comprendere.

Infine l’ultimo lavoro, più critico e dilaniante.
“Archiatric” comprende 16 opere architettoniche che rappresentano differenti malattie, dove l’artista, attraverso le sue forme surreali, racconta il dramma di chi vive queste realtà

Contrastare lo spreco alimentare si può

I numeri dello spreco alimentare in Italia non tendono a diminuire: nonostante le azioni messe in campo nelle diverse città, ogni famigli ogni anno getta nei rifiuti oltre 145 kg. di cibo

Per contrastare questo fenomeno, Enea ha stilato un decalogo delle buone pratiche per una spesa più consapevole e attenta.

 

Valutare il quantitativo di cibo da acquistare è il primo passo da compiere:
calcolare il consumo di un pasto medio e stilare la lista degli alimentari da comperare aiuta nel programmare gli acquisti senza dare libero sfogo agli acquisti d’impulso

Una volta a casa, poi, alcuni accorgimenti possono migliorare la conservazione degli alimenti – crudi o cotti che siano, e trovare soluzioni creative per riutilizzare gli avanzi cucinando nuove pietanze, potrebbe diventare una buona pratica sulle nostre tavole.

Saper leggere l’etichetta ricopre una notevole importanza:
oltre alla data di scadenza, riporta su tecnologie o ingredienti che aiutano ad un consumo consapevole. I processi a cui viene sottoposto il latte, per esempio, può allungare la conservazione senza alterare le caratteristiche nutrizionali mentre alcuni estratti vegetali con cui vengono addizionati i prodotti da forno, invece, prevengono l’inacidimento in modo naturale.

Anche fare attenzione al packaging è importante: il decalogo Enea ricorda che una corretta raccolta differenziata aiuta l’ambiente, pertanto preferire confezioni riciclabili – se non addirittura compostabili – si dimostra sempre la scelta migliore.

Infine gli esperti consigliano il consumo di cibo biologico.
L’agricoltura biologica, infatti, riduce i consumi energetici di quasi il 25%, riduce le emissioni di CO2 e non usa fertilizzanti e fitosanitari di sintesi, salvaguardando così le falde acquifere.

Resta intesa che, se le dispense sono piene e non si riescono ad utilizzare tutti i prodotti acquistati, potrebbe diventare una sana abitudine il regalarlo. Ogni città ha la propria rete di volontariato e ONLUS che si occupano della redistribuzione di beni di prima necessità alle persone meno abbienti.
Informati anche tu su quale sia quella più vicina a te!

Leggi qui l’iniziativa delle scuole di Verona per educare alla riduzione dello spreco alimentare.

Spesa sostenibile, l’esempio di Verona

Come risparmiare sulla spesa e vivere felici

Ogni famiglia italiana spreca cibo per un valore pari a 30€ al mese: è quanto emerge dal rapporto Waste Watcher 2014/Knowledge for Expo (Osservatorio nazionale sugli sprechi) che rimarca come

  • 1/3 della produzione mondiale di cibo non viene consumato, di cui l’80% sarebbe ancora consumabile. (Il 22% dello spreco avviene durante il consumo domestico.)

A fronte di questi dati e, proprio nell’anno che Expo15 ci porta a “nutrire il pianeta” anche le aziende di gestione dei rifiuti veronesi si impegnano in attività informazione contro gli sprechi alimentari.

Come ridurre gli sprechi alimentari?

Le buone pratiche iniziano sui banchi di scuola

Si chiama la.mia spesa felice ed è il progetto che porterà i ragazzi delle classi medie della Provincia di Verona a fare la spesa da un punto di vista sostenibile.

Grazie ad impostazione partecipativa learning by doing i ragazzi trascorerranno poche ore sui banchi di scuola per imparare concetti fondamentali come il ciclo di vita dei prodotti, l’approvvigionamento, l’impronta ecologica, la gestione e il riciclo dei rifiuti per poi mettere in pratica quanto appreso in uno dei supermercati convenzionati.

 Ma come si fa una spesa intelligente?

  • Si parte dalla lista della spesa, che esamina i reali bisogni alimentari
  • Si impara a leggere l’etichetta, per capire la provenienza dei prodotti
  • Si punta l’attenzione al packaging e al riciclo degli imballaggi
  • Si condivide l’esperienza con le famiglie e gli amici, affinché tutti si abbia maggior conoscenza, responsabilità e rispetto per l’ambiente in cui si vive.

spesa sostenibile

Se conosci una classe che potrebbe essere interessata a partecipare clicca qui.

Comunità agricole in Movimento: Genuino Clandestino

genuino clandestino

Genuino Clandestino è un movimento di comunità agricole che rivendica l’autodeterminazione alimentare contro la distruzione degli ambienti rurali tradizionali. Nasce a cavallo tra l’invero e la primavera 2014, quando due fotografi (Sara Casna e Michele Lapini) e due attiviste di Campiaperti (Roberta Borghesi e Michela Potito) partirono alla volta di 10 insediamenti rurali e altrettante comunità per presentarsi come alternativa alla diffusione dell’industria agroalimentare e per recuperare la sovranità alimentare nei loro territori, in contrasto al modello Expo 2015 che “estrae profitti” a discapito di pochi.

Dall’esperienza nasce l’omonimo libro Genuino Clandestino, appunto, edito da Terra Nuova Edizioni: un diario di viaggio che, dal Piemonte alla Sicilia, racconta le storie che gli autori incontrano nelle aziende agricole e nei mercati.

Grande importanza è data alle immagini, per mostrare visivamente i possibili percorsi di autorganizzazione dal basso da parte di produttori e consumatori.

Ulteriori approfondimenti sulle tematiche fino ad oggi sviluppate dal Movimento sono lasciate ai lettori più curiosi, con ricerche e spunti emersi durante i nove mesi di viaggio.

Tra i prossimi appuntamenti, il libro la cui prefazione è curata da Wu Ming 2, sarà presentato a Mantova al Festival della letteratura

Domenica 13 settembre – ore 12.00 presso la Tenda dei Libri.

Il libro, che ha la prefazione di Wu Ming 2. ha ricevuto la “Menzione speciale sezione progetti realizzati” al Premio Giornalistico Sabrina Sganga a Firenze.

Le tappe del progetto

e tutte le informazioni utili su Genuino Clandestino sono sul sito

Flood, la mostra di Ugo Carmeni

Gruppo Motterle è main sponsor della Mostra del fotografo veneto Ugo Carmeni

A Venezia dal 07 Maggio 2015 al 09 Agosto 2015

Ikona Venezia, International School of Photography – Campo del Ghetto Nuovo – Canareggio 2909, Venezia

Inaugurazione Giovedì 7 Maggio ore 18

La mostra

Si interroga sulla rapporto spazio temporale, Ugo Carmeni, che nella mostra Flood, mette in scena un percorso fotografico che trae ispirazioni letterarie dai colori di Garcia Lorca e dalle intuizioni matematiche dello scrittore Lewis Carrol.

Ne scaturisce una “geografia fotografica”, che traccia le immagini proprio come fossero delle mappe geografiche, sfocando e mettendo in rilievo le parti salienti.

Ecco che il fruitore diventa così, ex nihil, esploratore, ed è questo il segreto della mostra di Carmeni.

“Non bisognerebbe mai giudicare un fotografo dal tipo di pellicola che usa, ma solo dal come la usa”. Ernst Haas.

Per maggiori informazioni: www.arte.it