La fotosintesi, nuova frontiera dell’energia rinnovabile

In vista della recente XXI Conferenza delle parti ( Cop 21) di Parigi, dalla quale scaturirà l’agenda delle politiche mondiali per combattere il cambiamento climatico prodotto dai gas serra, è stato  pubblicato sul Journal of Physical Chemistry uno studio sviluppato da alcuni ricercatori dell’Università della Florida dimostra come la fotosintesi delle piante potrebbe diventare una nuova fonte di energia rinnovabile.

Si tratta di un nuovo materiale capace di immagazzinare la luce solare utilizzandola per scindere le molecole contenute nell’acqua in idrogeno e ossigeno.

Fonte: un nuovo materiale fonte di energia ‘verde’

© fotosilenziose.com

 

La ricerca è partita dallo studio di un composto estrapolato da birnessite, un minerale a base di ossido di manganese presente nel terreno e capace di replicare il processo della fotosintesi che consente alle piante di sopravvivere e rigenerarsi. Gli scienziati sono concordi nell’affermare che questa soluzione potrebbe dare vita ad una fonte di energia auto-sostenibile, assolutamente pulita, che non genera anidride carbonica nè spazzatura.L’idrogeno ottenuto dalle molecole di acqua, infatti,  potrebbe essere facilmente trasportato in altri siti e utilizzato come combustibile. Il ricercatore Mendoza-Cortes afferma che “mettere questo materiale sul tetto potrebbe trasformare l’acqua piovana in energia con l’aiuto del sole”.