Fotografia: Jane Long tra passato, presente e surreale

Il più importante Festival di fotografia australiano ospita quest’anno le opere Jane Long, l’eclettica artista che trasforma vecchie foto storiche in originali composizioni colorate. In continuità con la sua prima serie di opere Dancing con Costic?, l’artista australiana ha ricreato composizioni ancora più surreali ripristinando, manipolando e colorando immagini in bianco e nero catturate oltre 50 anni fa.
L’idea nasce dal tentativo di rispolverare le sue competenze sull’uso sul fotoritocco: dopo aver scovato su Flickr l’archivio fotografico del fotografo rumeno Costic? Acsinte, che documentò la Prima Guerra Mondiale fino alla sua morte nel 1984, Long si ispirò applicando Photoshop su vecchi scatti.

“Voglio riportarli alla vita” sostiene Long, “ma soprattutto voglio dare alle immagini, una storia”.

jane long fotografia

Aggiungendo colore ed elementi di fantasia ad ogni foto, Long crea una bizzarra fusione tra passato e presente. Senza alterare il soggetto originale, li trapianta in mondi stravaganti, spesso in netto contrasto con la fisicità dell’individuo ritratto, e apre la percezione verso nuovi livelli di interpretazione.

Le polemiche alla mostra non sono di certo mancate: le opere di Long potrebbero sembrare irrispettose. Ma l’intento dell’artista è di far percepire le persone ritratte nelle foto come reali e “…non solo come vecchie fotografie. Il colore modifica completamente la nostra percezione delle immagini”

“Le pratiche fotografiche del tempo prevedevano raramente che le persone sorridessero. Ma questo non significa che non fossero felici o innamorati. Ho solo introdotto questi aspetti nelle mie opere”

Dancing with Costic? inaugura il 22 Agosto a Ballarat International Photo Biennale fino al 20 settembre
Fonte: http://www.mymodernmet.com