L’acqua regina del Padiglione Brasile a Expo 2020 Dubai

La sostenibilità del pianeta è rappresentata dalla risorsa imprescindibile per la vita, l’acqua è il tema del Padiglione Brasile

Immagini e suoni proiettati sul tessuto leggero sostenuto dalla struttura in acciaio si uniscono agli aromi e agli odori che caratterizzano l’esperienza dei visitatori all’interno del Padiglione Brasile che verrà realizzato in occasione di Expo 2020 Dubai. L’atmosfera che andrà ad immergere completamente chi entrerà in questo edificio prevede anche uno strato superficiale di acqua al suolo.

Il progetto ispirato al Rio Negro, affluente del Rio delle Amazzoni, è stato ideato dal lavoro di diversi architetti: Martin Benavidez dello studio Ben-Avid, José Paulo Gouvêa di JPG.ARQ e Marta Moreira e Milton Braga dello studio MMBB Arquitetos.

L’idea dei progettisti è quella di trasmettere il focus comune di natura e cultura verso la difesa e la conservazione del pianeta, in un’ottica che privilegia e sottolinea la sostenibilità comune a tanti Padiglioni dell’Esposizione Universale. La visita all’edificio che rappresenta il paese più esteso e popolato dell’America Latina mira a far vivere un viaggio simile a quello degli ecosistemi e degli ambienti che lo caratterizzano.

Il Padiglione Brasile organizza gli spazi sospesi come palafitte

Se nel Padiglione Svezia gli spazi rialzati devono richiamare le case sugli alberi di una foresta scandinava, quelli previsti all’interno del Padiglione brasiliano vogliono ricordare le palafitte, costruzioni sospese sull’acqua che consentono un’esperienza “asciutta”. In queste aree si concentrano gli spazi dedicati a letture, incontri e proiezioni, oltre che esposizioni complementari e incontri ufficiali.

I materiali che compongono la struttura provengono da tutto il mondo tenendo presente la sostenibilità nella realizzazione e nella costruzione del Padiglione. I visitatori sono invitati a partecipare in modo attivo all’esperienza di scoperta dell’edificio che richiama quella del paese che rappresenta.

Fonte: Archilovers

Leggi l’articolo su Padiglione Italia a  Expo 2020