Architettura verticale per le terrazze di Beirut

Le meravigliose Terrazze di Beirut di Herzog & de Meuron sono la prova che i grattacieli non devono essere le enormi masse di metallo che a volte diventano. Si tratta del primo esempio di villaggio verticale al mondo.

Nella capitale più affollata e vivace del Medio Oriente, queste torri ricordano un’isola, lontana dal traffico e dalla quotidianità.

Merito del design elegante e della location invidiabile: situate sulla costa nel prestigioso quartiere residenziale Mina El Hosn, le terrazze di Beirut sembrano essere accarezzate dalle onde del Mar Mediterraneo.
Una costruzione alta 120 metri ed ospita 129 appartamenti: su ogni piano, la disposizione della terrazza aperta consente ai proprietari di camminare all’aperto con una vista ininterrotta di una città che un tempo era considerata la Parigi del Medio Oriente.

Il progetto vuole rappresentare la stratificazione storica con una sovrapposizione di strati determinati da grandi terrazze per ricavare spazi esterni che migliorano l’efficientamento energetico dell’immobile proteggendo gli spazi interni dai raggi diretti del sole e al contempo, accumulano calore da rilasciare nelle ore serali successive.

L’ingresso al piano terra, è dotato di un ampio spazio verde; e i una serie di giardini pensili puntellano la verticalità dell’edificio,

Tutti gli spazi e gli appartamenti saranno illuminati e ventilati naturalmente.

Un edificio che si spinge ai confini delle costruzioni verticali, con un risultato che lascia senza parole.

Un nuovo ingresso per il Victoria & Albert Museum – Londra

Continua la carrellata delle opere più influenti del 2017, che, per questo post, fa tappa a Londra.

Dall’estate 2017, infatti, l’Albert & Victoria Museum si completa con un nuovo cortile magnificamente progettato da Amanda Levete della ditta londinese AL_A.

Un compito complesso che ha previsto di aggiungere un nuovo design audace a un museo tradizionale in mattoni rossi, rendendo visibile una parte invisibile della struttura. L’architetto ha fatto questo progettando un cortile acuto e inclinato di oltre 10.000 piastrelle artigianali in ceramica . Da lì, i visitatori non saranno solo protagonisti, ma attirati a esplorare la vasta nuova galleria sottoterra.
L’ingresso è stato spostato su Exhibition Road – l’arteria culturale più importante della città e l’edificio si è completato con la galleria Sainsbury, 1100 metri quadrati di sala flessibile, libera da sostegni intermedi, creata appositamente per sostenere l’ ambizioso programma internazionale di mostre temporanee del V&A.

Lo spazio espositivo sotterraneo sarà destinato alle mostre temporanee, mentre il cortile pubblico e il nuovo ingresso creeranno un continuum tra il A&V Museum e gli adiacenti musei che si affacciano su una strada completamente riqualificata e pedonale, che ha l’obiettivo di diventare n il luogo dove la cultura e l’apprendimento sono accessibili a persone di ogni età e provenienza.

Architetti: AL_A , Amanda Levete Architects
Fonte: www.inexhibit.com

Un museo in stile neo-brutalista a Cape Town – Zeits MOCAAL

Lo studio di architettura londinese Heatherwick riprogetta i magazzini del grano di Cape Town e li trasforma nel museo di arte africana più grande del mondo.

Con oltre a 6.000 mq di esposizioni artistiche, lo Zeits MOCAA è il museo d’arte africana più grande del mondo e una vera e propria cattedrale dell’arte in stile neo-brutalista. Ospiterà le opere provenienti dalla Collezione Zeitz, (del 2002 dall’imprenditore Jochen Zeitz).
Diventerà inoltre sede di un istituto per le arti dedicato al costume, alla fotografia, alle performance e al cinema e comprende un giardino di sculture sul tetto, librerie, ristoranti, bar e sale letture.
Gli ultimi 6 piani dell’edificio sono stati destinati al The Silo Hotel un albergo di lusso con con vista panoramica sull’oceano.

La sfida affrontata è stata quella di riuscire a ricavare atri e gallerie sfruttando l’esistente struttura alveolare alta 10 piani, senza snaturare l’autenticità dell’edificio.

Le gallerie sono il frutto della trasformazione di altri 42 cilindri, mentre l’atrio è stato ricavato dal taglio di 22 dei 116 tubi cilindri di cemento, mentre ancora oggi visibili sulla sommità del soffitto.

Oliver Wainwright, di The Guardian, descrive il museo come

uno spazio elettrizzante di cilindri di cemento che si tuffano dal soffitto come stalattiti intagliate, attraverso le quali scivolano le scale a spirale e gli ascensori di vetro.

I magazzini del grano di Cape Town furono l’edificio più alto del Sudafrica, mentre oggi sono solo uno delle 22 mega costruzioni che punteggiano il V&A Waterfront, il nuovo quartiere in pieno sviluppo che sorge tra il porto di Città del Capo e la celebre Table Mountain.

Renderlo agibile al pubblico significa restitutire alla città il simbolo del suo passato industriale alimentando il traffico di quasi 100.000 persone che affollano ogni giorno le vie del lungomare.

L’amaro in bocca che rimane è quello di vedere spese ingenti somme di denaro per un museo privato, mentre i luoghi pubblici della cultura africana restano dimenticati; così come quello di vedere investire in complessi già molto turistici, senza pensare a percorsi alternativi che potrebbero contribuire ad un benessere più diffuso e meno turistico.

Fonte: www.architecturaldigest.com

Museo Lego a Billund – Danimarca

Chi di noi non è stato appassionato di mattoncini Lego?
Per la gioia di grandi e piccini, da qualche mese in Danimarca ha inaugurato la LEGO House – Home of the Brick, progettata da Bjarke Ingels Group (BIG) e costruita a Billbund, la città in cui i Lego furono inventati.

L’edificio si presenta come una vera e propria costruzione a grandezza naturale:

21 mattoni impilati uno sopra l’altro per 12.000 metri quadrati di attrazioni e divertimento.  La prova che gli elementi costitutivi dell’architettura possono essere trovati in qualsiasi parte del mondo, compresi i giocattoli per bambini.

L’edificio  è pieno di 25 milioni di mattoncini Lego in diverse aree espositive differenziate da diversi colori che hanno lo scopo di migliorare le capacità creative, cognitive, sociali ed emotive per i bambini (e i clienti di tutte le età).

Il piano terra è destinato ai negozi e alle attività di ristorazione, la storia dei mattoncini Lego occupa il seminterrato, mentre la galleria al piano superiore

Uno sviluppo architettonico sposa la filosofia del gioco, la semplicità e la creatività, caratteristiche che attireranno fino a 2.000 visitatori al giorno

Progetto: BIG – Bjarke Ingels Group
Fonte: Corriere Viaggi

A spasso nella presitoria in Francia: il museo Lascaux IV

Soprannominata dagli archeologi come la “Cappella Sistina della Preistoria”, il Centro Internazionale di Arte Rupestre a Montingac (Francia) cambia volto.

A curare il  restauro, gli architetti Snøhetta e SRA, la scenografa Casson Mann, a braccio a braccio con un ristretto team di archeologi, che invitano il visitatore nella preistoria grazie  ad un’opera architettonica che è la rivisitazione moderna dell’antica grotta.

Il progetto non imita il contesto, lo completa, creando un taglio nel panorama che dialoga con il bosco e il paesaggio agreste circostante.

Un invito a scoprire dipinti rupestri vecchi 20.000 anni e conosciuti per essere tra i migliori esempi di arte del Paleolitico.

All’interno, il Centro Internazionale d Arte Rupestre, che riproduce l’ambientazione dell’antica cava:  suoni ovattati, luci mosse dallo sfarfallio di lampade che imitano il fuoco alimentato dal grasso animale e una sequenza di spazi che consente di contemplare le incisioni con tranquillità.

All’uscita, i visitatori sono accolti in un patio soprannominato Giardino delle caverne che offre l’opportunità di riadattarsi al contesto esterno dopo l’intensa esperienza della replica della Cava. La relazione con il cielo, la presenza di piante e il suono dell’acqua che scorre incornicia questo momento.

In tutto il museo, l’esperienza del visitatore mette in scena un equilibrio di forti differenze di atmosfere, luce e intensità – dagli spazi espositivi chiusi sistemati nella collina, alla lobby piena di luce e agli spazi di transizione. La giustapposizione tra discesa e ascesa, dentro e fuori, terra e cielo, o natura e arte, evoca l’esperienza analoga delle caverne.

Clicca qui e vedi le migliori opere architettoniche del 2017 secondo Architectural Digest

Fonte: Domus
Progetto: Snøhetta e SRA (2017)
Foto: Boegly+Grazia