Autocostruzione con la bioedilizia

Per dare una risposta alla crisi la Regione Toscana da via libera all’autocostruzione con la bioedilizia.

La giunta regionale, infatti, autorizzerà i cittadini a costruirsi le abitazioni o a ristrutturarle da soli, in convenzione e anche su terreni pubblici.
Lo conferma l’Assessore al Bilancio Vittorio Bugli durante il Terra Nuova Festival, la due giorni toscana dedicata al costruire sostenibile e all’ambiente.
Non si tratta di costruire in maniera spontanea, spiega l’Assessore, quanto piuttosto di scrivere regole precise in accordo con tutti gli Enti e le Associazioni interessate, da seguire in tutta la Regione. Questo metodo costruttivo unito ai prossimi nuovi interventi di social housing, continua, sono un aiuto concreto per ridurre il continuo disagio abitativo delle famiglie italiane, che si sta estendendo sempre più al “ceto medio” della popolazione.

Per l’iniziativa sono già stati stanziati tre milioni di euro che serviranno per i primi 10 interventi del progetto di bioarchitettura e bioedilizia, messo a punto dalla Regione.
Ma la Toscana non è nuova a questo tipo di interventi: già negli anni 80 nel Mugello fiorentino fu realizzato il primo progetto italiano di autocostruzione e recentemente, a San Piero a Sieve sono state autocostruite 18 villette a schiera in 18 mesi.

Per saperne di più: tekneco.it

Leave a Reply