Il waterfront di Dundee riparte dall’architettura – Riqualificazione Urbana

Si concludono i lavori del nuovo Victoria & Albert Museum,  il primo edificio in Scozia dedicato all’arte contemporanea e inaugurato nel settembre 2018.

Il progetto vincitore del concorso internazionale di architettura del gennaio 2010 è firmato dall’archistar giapponese Kengo Kuma, che realizza così il suo primo edificio nel Regno Unito.

L’ architettura del nuovo Victoria & Albert Museum  propone di riqualificare l’area del waterfront rielaborando l’importante storia commerciale e marittima di Dundee. Un’opera attiva e dinamica che crea una connessione tra la città e il vicino fiume Tay, emblema dell’importante passato commerciale della città.

Un’ architettura che mira a tradurre l’unicità geografica del paesaggio scozzese, che crea una sorta di scogliera in città, che a vederla da lontano sembra la prua di una grande nave che prende il largo verso il vicino Mare del Nord.

Esattamente come il profilo delle frastagliate scogliere della Scozia nord-orientale, l’architettura delle pareti esterne del museo è stata progettata con un rivestimento di oltre 2466 elementi in pietra incastrati tra le lastre di cemento che proiettano ombre sempre diverse sulle facciate dell’edificio durante il giorno.

L’obiettivo del designer è stato quello di evitare pareti verticali e proporre un design moderno che trae ispirazione dalla “conversazione tra terra e mare” tipico del paesaggio scozzese.

Il Victoria & Albert Museum di Dundee ha l’obiettivo di diventare il vero e proprio centro culturale della zona:

  • lo spazio di 8500 mq è definito da due piramidi rovesciate che si incontrano all’apice creando lo spazio per le esposizioni;
  • la torsione degli edifici, in questo modo, segue la direzione delle due principali vie della città.
  • Si viene a creare una sorta di porta urbana integrata con la viabilità cittadina, che  ricorda l’Arco Reale costruito per commemorare  l’arrivo della regina Vittoria e al principe Alberto.

Oltre alle due gallerie per le esposizioni, l’ auditorium e le attività commerciali, il museo ospita aree aperte dedicate a laboratori e workshop per interagire con i visitatori e stimolare alla creatività.

Un progetto architettonico lungimirante, che ha visto raddoppiare l’investimento stimato: il costo complessivo è infatti salito a 80 milioni di sterline.

Fonte: Domus
Photo: Kengo Kuma & Associates