Architettura in Europa: le opere concluse nel 2018

10 opere di architettura tra le più significative del 2018

La fine dell’anno si avvicina ed è giunto il momento di tirare le somme anche in ambito architettura.
Quali città e quali edifici hanno caratterizzato maggiormente l’architettura del 2018 in Europa?
Capolavori di piccole e grandi dimensioni accomunate tutte da un concept di fondo: creare nuove connessioni tra i diversi luoghi delle città, recuperando spazi e strutture pre-esistenti.

Architettura in Danimarca: regina delle nuove prospettive

Copenaghen, la capitale danese vanta ben 4 opere degne di essere menzionate:

  • BLOX: lo studio di architettura Oma firma il nuovo punto di riferimento nel paesaggio del porto di Copenaghen. Un grande edificio composto da parellelepipedi crea un passaggio pubblico che sovrasta l’arteria stradale principale che connette l’area urbana del porto con il Parlamento. Blox al suo interno ospita il DAC (Danish Architecture Center) e spazi produttivi di co-working, ristoranti, appartamenti, parcheggi automatizzati e nuove piazze cittadine.
    Sul tetto, il rooftop cafè offre una vista panoramica sul porto
  • SILO: lo studio di architettura COBE termina la trasformazione di un silo a Nordhavn (zona portuale) in moderni appartamenti che conciliano l’anima industriale all’interno con una facciata in acciaio zincato all’esterno.
    Il pluripremiato progetto ha vinto, tra gli altri, il Best Tall Building Europe 201 del Ctbuh (Council on Tall Buildings and Urban Habitat).
  • LA GRU: sempre nel porto danese, lo studio di architettura Arcgency rifunzionalizza una gru adibita al carico di carbone in un lussuoso appartamento con sala riunioni, spa e terrazza panoramica
  • LA TORRE MAERS: la Facoltà di Salute e Scienze Mediche dell’Università di Copenaghen si estende oggi nella nuova torre progettata dallo studio C.F. Møller Architects adibita a centro di ricerca in ambito sanitario. Oltre alle aule e ai labOratori di ricerca, la torre è dotata di tecnologie all’avanguardia, auditorium esale riunioni

Sempre in Danimarca, a Vejle, l’artista Olafur Eliasson firma un’opera d’arte architettonica per la società Kirk Kapital.
Il Fjordenhus è un’opera d’arte completa, aperta al pubblico al piano terra.
Come una moderna Venere, il Fjordenhus sembra affiorare dall’acqua. Al suo interno anche l’arredamento e l’illuminazione sono state progettate per essere all’altezza dell’opera generale.

Sempre in Danimarca, a Vejle, l’artista Olafur Eliasson firma un’opera d’arte architettonica per la società Kirk Kapital.
Il Fjordenhus è un’opera d’arte completa, aperta al pubblico al piano terra.
Come una moderna Venere, il Fjordenhus sembra affiorare dall’acqua. Al suo interno anche l’arredamento e l’illuminazione sono state progettate per essere all’altezza dell’opera generale.

Architettura inglese 2018

Della riqualificazione urbana di Londra ne abbiamo più volte parlato. E anche oggi una menzione alla città britannica è d’obbligo per la moltitudine di opere concluse nell’anno in corso.

  • Il padiglione temporaneo della Serpentine Gallery, immersa nel verde dei giardini di Kensington, è stata affidata all’artista messicana Frida Escobedo. Utilizzando tegole in cemento, l’artista riesce a creare un sottile gioco di luci e ombre che ricordano i cortili messicani, con contaminazioni derivanti dai materiali e dalla storia britannica
  • La nuova London Bridge Station, proprio nei pressi del celebre Shard di Renzo Piano, conclude la riqualificazione dell’area urbana iniziato nel 2013 e che è sempre rimasta in funzione.
    La nuova infrastruttura concilia il vecchio edificio con una nuova concezione di luogo pubblico dimensionato per ospitare oltre 50 milioni di passeggeri all’anno.
    Tutti gli interventi mirano a creare ampi spazi pubblici così da riqualificare il Southbank
  • Maggie’s Centres, le case inglesi adibite al sostegno morale e psicologico ai malati oncologici, vivacizza il centro della capitale britannica: riconoscibili per il rivestimento di vetro bianco con inserti di colorati, studiato appositamente per l’edificio, crea un gioco di luce e ampi spazi che sono stati i principi ispiratori del progetto firmato dallo statunitense Steven Holl Architects.
  • Si concludono anche i lavori di ampliamento della Royal Academy of Arts guidati da David Chipperfield Architects. La progettazione ha messo in connessione i due edifici dell’accademia, adeguandoli tecnologicamente e funzionalmente.
  • Anche Bloomberg nella City di Londra cambia veste.
    Una riqualificazione progettatata da Norman Foster finalista al RIBA Stirling Prize, il premio per le migliori architetture del Regno Unito.

Per completare la panoramica delle opere nel Regno Unito, una citazione alle nuove distillerie di whisky Maccalan, in Scozia progettate dallo studio di architettura Rogers Stirk Harbour + Partners che ha creato nuovi ambienti funzionali per accogliere i visitatori rivelando i processi di produzione, circondati dalla splendida natura circostante.

Ma altre 10 opere hanno arricchito l’Europa. Le scopriremo la prossima settimana.