Vivere l’orto…davvero!

Vivere davvero l’orto: lo Studio LDA.iMdA architetti associati e il progetto della casa nell’orto

All’origine del progetto l’iniziativa dei committenti di rendere “abitabile” uno spazio naturale come l’orto, con il desiderio di coniugare una pratica quasi abbandonata nonostante di recente stia riacquistando rilievo anche in contesti urbani e un concetto di casa dalle forme lineari, quasi infantili.

L’orto: nuove forme di abitare

La casa nell’orto realizzata dallo Studio LDA.iMdA architetti associati si presenta come una costruzione essenziale, immacolata e candida anche nei colori che inserita nel contesto di un giardino coltivato instaura con lo stesso una relazione innovativa e un dialogo che non ha precedenti. All’interno dello spazio si prevede infatti, in accordo e sintonia con i committenti, di ospitare eventi ed appuntamenti di vario tipo, tra questo Studi Aperti 2019.

La struttura della casa richiama quella delle serre invernali, si sviluppa su di una pianta semplice, la quale ha subito una parzializzazione dello spazio interiore per adattarlo come necessario a quello di un’abitazione. Il progetto abitativo finito presenta un rivestimento esterno con elevata capacità di riflettere la luce solare realizzato con l’applicazione di una guaina poliolefina ecologica, un pavimento ottenuto trattando il pannello in legno di larice, polistirene e legno di abete e un rialzamento globale del piano di calpestio che, oltre a ridurre l’impatto sul paesaggio, offre un’ottima soluzione ad aspetti di tipo idraulico.

Realizzare un progetto come questo costituisce una sfida all’essenzialità formale per definire gli spazi abitativi con originalità in una situazione ambientale in cui non è consuetudine concepire unità abitative.

Fonte: Archiportale
Immagini: Medulla Studio

Abitare sostenibile: il vincitore del PAT 2019

Lo Studio Milesi & Archos con la realizzazione in chiave sostenibile della Foresteria del Monastero di Siloe ottiene il PAT Premio Architettura Toscana 2019

La comunità monastica di Siloe a Poggi del Sasso nel grossetano sorge all’interno di un paesaggio prettamente toscano in cui si alternano oliveti e vigneti, per questa ragione il progetto realizzato dallo studio Edoardo Milesi & Archos che prevedeva la costruzione della foresteria ha lavorato in chiave sostenibile, arrivando a rispettare interamente i criteri di bioarchitettura.

Si tratta di cinque unità abitative indipendenti l’una dall’altra all’interno delle quali possono essere alloggiati gli ospiti che occasionalmente visitano la comunità monastica. L’idea della foresteria nasce con la volontà di intervenire il meno possibile sul paesaggio, sfruttando a proprio beneficio la conformazione del terreno e i dislivelli dell’area interessata per creare strutture abitative realizzate interamente in legno capaci di sposarsi con la natura, arrivando a modificarsi con il tempo quasi si trattasse di un elemento del paesaggio.

L’appoggio a terra delle singole unità, infatti, è stato studiato per evitare di modificare la conformazione del terreno offrendo comunque la possibilità di godere del paesaggio circostante. La realizzazione ha previsto l’utilizzo di materiali interamente riciclabili, il legno è il vero protagonista impiegato nella costruzione dell’intera struttura sia a livello portante ma anche per tamponamenti, pareti, solai e copertura.

Ciascuna unità dispone di una camera con bagno, zona cottura e balcone rivolto a nord con una loggia sul lato opposto. Sul lato nord-ovest si concentrano infatti i punti luce valorizzati da superfici vetrate per trarre il massimo beneficio dalla luce naturale, al contrario il prospetto sud è costituito da facciate temponate. I criteri di bioarchitettura sono stati rispettati non solo a livello di materiali, ma anche per quanto riguarda i requisiti per le barriere architettoniche. Serramenti e pavimentazione in larice si presentano con il legno allo stato di ossidazione naturale, per conferire maggiormente l’idea di una forma di abitare sostenibile inserita in modo coerente nel contesto naturale.

Il progetto della Foresteria del Monastero di Siloe dello Studio Milesi & Archos, grazie a queste scelte sostenibili, ha vinto il premio della II edizione del Premio Architettura Toscana PAT del 2019 nella categoria Nuove costruzioni.

Fonte: Professione Architetto

Design internazionale: distilleria Macallan

La distilleria Macallan, uno dei whisky più ricercati al mondo apre le porte ai visitatori in un nuovo edificio che svela i processi produttivi e accoglie i visitatori nello splendido paesaggio sulle colline dello Speyside, (Highlands scozzesi), nella tenuta a Easter Elchies.

Un esempio di design internazionale che conferma l’attenzione della Scozia per l’architettura in sinergia con il territorio.

Un edificio che unisce la tradizione alle migliori tecnologie: progettato dallo studio di architettura Rogers Stirk Harbour + Partners, l’edificio è costato 140 milioni di sterline e occupa un antico mulino vittoriano, storicamente utilizzato per produrre carta per banconote.

Le serre scultoree sono tutt’oggi occupate per la coltivazione di erbe officinali utilizzate nel processo di distillazione.

La struttura si riconosce per la forma ondulata e i tetti curvi coperti di fiori selvatici, così da inserirsi con discrezione all’interno del paesaggio circostante.

All’interno le volte del tetto a cupola sono lasciato a vista, per bilanciare gli elementi naturali con la natura industriale della distilleria.

Il tetto è l’elemento di novità del progetto architettonico: supportato travi in acciaio e realizzato con 380.000 legni increspati disposti in forma geodetica.

Internamente, infatti, una serie di celle di produzione sono disposte in linea con un layout a pianta aperta che rivela contemporaneamente tutte le fasi del processo di produzione.

Queste celle si riflettono sopra l’edificio sotto forma di un tetto in legno leggermente ondulato.

Dall’esterno, le grandi finestre in vetro che raggiungono il soffitto, lasciano intravedere i fermi in rame, riproduzioni esatte dei primi fermi usati dall’azienda nel 1924.

L’esperienza del visitatore inizia con un’introduzione a The Macallan in un’area espositiva e in una galleria, prima di procedere attraverso una sequenza di spazi che seguono la storia della produzione del whisky. I materiali naturali – pietra locale, legno e il tetto del prato vivente – così come il design del paesaggio non solo evocano l’ambiente e gli ingredienti della produzione di whisky, ma servono anche a fornire un viaggio suggestivo per il visitatore.

Se siete in viaggio nelle Highlands scozzesi, la distilleria Macallan è una tappa obbligatoria.

Fonte: boty.archdaily.com

Architettura e territorio

Architettura Borgo Maggiore Studio Motterle

L’esempio di Borgo Maggiore

Arroccato sul monte Titano, nella Repubblica di San Marino, l’antico Borgo Maggiore necessitava di una riqualificazione architettonica adeguata che coniugasse la necessità di nuovi servizi per la cittadinanza alla funzionalità necessaria alla crescita del turismo.

Architettura Borgo Maggiore Studio Motterle

Mantenere il carattere autentico dei materiali e del contesto in cui il Borgo è inserito è stato il parametro di valutazione della Giuria di valutazione del progetto.
L’architetto Mariarita Menicucci è riuscita a coniugare ed enfatizzare questi aspetti proponendo un doppio intervento:

  • 5 livelli di parcheggio parzialmente ipogei coperti da piante e arbusti posti sotto la stazione della funivia
  • un piazzale per autobus e accesso residenti sotto il borgo stesso.

L’architettura sviluppata ha mantenuto la pietra protagonista di tutti gli  elementi costruttivi.

Il progetto prevede la creazione di un contenitore di nuove funzioni utili alla comunità di Borgo Maggiore e una quinta architettonica, rappresentativa del territorio che funge da trait d’union tra i caratteri della tradizione e della modernità.

Nel progetto, gli spazi pubblici sono disposti a diverse quote altimetriche: in questo modo diventano spazi funzionali alla sosta e alla congiunzione con i diversi piani. La connessione tra loro è resa possibile da un sistema di gradini esterni e impianti di risalita meccanizzata interni.

Il carattere ecologico de progetto è espresso dai molteplici alberi e agli arbusti che creano aree verdi in continuità percettiva con il bosco circostante.
Mediante l’uso della geotermia, infine, sarà possibile ridurre i consumi energetici da fonti non rinnovabili.

Un progetto architettonico che è stato apprezzato per la funzionalità degli spazi, per l’accessibilità, per l’integrazione con il territorio e la possibilità di cantierizzazione per fasi, che mantiene un buon numero di posti così da non creare disagi durante la fase di costruzione.

Un team di architetti

Il progetto ha visto la collaborazione di un team di architetti e paesaggisti composto da Mariarita Menicucci, Diego Zoppi, Fabio Berruti, Francesca Marcon, Fabio Marasso e Gianmaria Grasso

Mercato Centrale. Architettura e sapore

Firenze

Nasce nel cuore della città di Firenze il Mercato Centrale, uno spazio dedicato alla cucina street food e agli artigiani del gusto fiorentini dove il cibo si fa bello, buono e semplice. Inaugurata nel 2014, questa piazza del sapore si riappropria del primo piano del mercato di San Lorenzo, rimasto inutilizzato da anni. Ispirato alle Halles parigine, è una struttura in ferro, vetro e ghisa progettata dall’architetto ottocentesco Giuseppe Mengoni ( 1829-1877), conosciuto sopratutto per aver realizzato la famosa Galleria Vittorio Emanuele II di Milano.
Dove una volta si vendeva frutta e verdura, oggi si apre un’enorme piazza dove il mercato, con oltre 500 posti a sedere, si fa portavoce ufficiale della tradizione toscana e della genuinità degli ingredienti italiani davanti non solo a milioni di turisti provenienti da tutto il mondo, ma anche di fronte ad un pubblico locale eterogeneo.

Studio Motterle Mercato Centrale

La qualità è garantita. Per accedere alla galleria del sapore, infatti, gli artigiani sottoscrivono e garantiscono un’attenta selezione dei prodotti che devono provenire dal medesimo Mercato. Il fil rouge che collega tutti i commercianti artigiani è l’amore per il loro lavoro, la conoscenza approfondita dei propri prodotti e la voglia di raccontarsi e di raccontare con entusiasmo la loro passione.
Molti i prodotti in vendita dalle verdure alle carni scelte, ma anche pasta, formaggio e pesce fresco o fritto. Non può mancare all’appello il re dello street-food fiorentino il lampredotto, un panino a base di trippe lesse condito con salse.

Il cibo di qualità non è un’opzione ma una realtà viva che entra nel tessuto urbano e influenza non solo i gusti ma anche la cultura cittadina attraverso il riutilizzo di vecchi luoghi, patrimoni storici delle nostre città.

Questa piazza ideale non restituisce soltanto un luogo di condivisione del cibo ma diventa anche un contenitore culturale e sociale. Sono molte le iniziative promosse e sostenute dal Mercato Centrale in collaborazione con le istituzioni locali e nazionali in diversi campi culturali legati all’arte, alla musica e alla scienza.
Queste sinergie culturali, danno luogo ad eventi importanti e di grande impatto che fanno del Mercato Centrale un polo attento e puntuale sulle tematiche contemporanee, una piazza culturale dove c’è sempre qualcosa di nuovo da scoprire.
Tra le diverse collaborazioni, la più proficua, quella con la Fondazione Palazzo Strozzi, un luogo d’incontro dove l’arte contemporanea dialoga con l’arte del passato, rinascimentale, in un susseguirsi di installazioni site specific, performance, concerti e teatro con artisti nazionali tra i quali spiccano Guttuso, Fontana, Schifano, Pistoletto e artisti di fama mondiale come l’artista serba Marina Abramovic, l’americano Bill Viola, e il cinese Ai Weiwei.

Roma

Il successo del Mercato Centrale arriva anche a Roma in via Giolitti, 36. In questo caso si è scelto di riqualifica e di riportare alla vecchia funzione la Cappa Mazzoniana. Opera dell’architetto futurista Angiolo Mazzoni è considerata il gioiello della ferrovia. Agli inizi del ‘900 ospitava la cucina ferroviaria, dove venivano preparati i pasti per i viaggiatori.

Torino

Studio Motterle Mercato Centrale Torino

Ad aprile anche a Torino hanno aperto le botteghe artigiane in Porta Palazzo, zona conosciuta come centro dell’attività turistica e della cittadinanza piemontese. Il format rimane invariato tra cibo, cultura e con un calendario già pieno di eventi.