Costruzioni in legno: gli esempi più innovativi

Versatile e leggero, il legno torna ad essere uno dei materiali da costruzione preferiti da architetti e urbanisti di tutto il Mondo.

Merito della maggior resistenza ottenuta grazie all’uso di tecniche e trattamenti particolari innovativi, come dimostrano 4 progetti di costruzioni in legno davvero originali.

Costruzioni in legno: i progetti più originali

Ville, grattacieli, interi quartieri. Le costruzioni in legno sono una realtà sempre più diffusa. Tra tutti vediamo insieme 4 esempi, segnalati da Abitare.it

River Beech Tower: grattacielo interamente in legno

Frutto del lavoro dello studio americano Perkins+Will, con la collaborazione della società di engineering Thornton Tomasetti e del Centre for Natural Material Innovation della University of Cambridge, la River Beech Tower di Chicago si presenta come una delle costruzioni in legno più interessanti mai progettate.

Si tratta, infatti, di una torre residenziale interamente realizzata legno e alta ben 80 piani, ovvero 240 metri. Composta da due torri snelle collegate attraverso un atrio, al cui interno vi sono elementi di connessione sia verticali che orizzontali, la River Beech Tower presenta 300 unità abitative in duplex.

Il blocco centrale dispone del controvento necessario per resistere alle spinte laterali e la struttura portante diagonale esterna sfrutta la resistenza assiale caratteristica del legno. La fase di ricerca è in sperimentazione al fine di verificarne stabilità e resistenza, mentre sulla resistenza al fuoco è al lavoro la società di consulenza Jensen Hughes.

Quarter Universal Design: costruzioni in legno rispettando la natura

Quarter Universal Design è il progetto per il quartiere di Wilhelmsburg ad Amburgo ad opera di Sauerbruch Hutton. Si tratta di un insieme di costruzioni in legno adibite ad uso residenziale, servizi e terziario in grado di riuscire ad integrarsi in modo ottimale nel contesto naturale che vede l’acqua come protagonista principale. Sono quattro edifici di cinque – sei livelli che hanno un piano terreno comune e alla base del progetto vi è l’assemblaggio dei vari moduli a dimostrazione della versatilità e leggerezza del legno.

Villa osservatorio di 500 metri in Brasile

Tra le costruzioni in legno degne di attenzione vi è senz’ombra di dubbio la villa – osservatorio di 500 metri di Catuçaba, in Brasile, ad opera dello studio MK27 di Marcio Kogan. Si tratta di una grande piattaforma sollevata da terra che offre una vista mozzafiato sulla valle su cui si affaccia. Presenta una grande terrazza, parzialmente coperta, e l’edificio riesce a regolare la luminosità grazie a delle schermature in bambù.

Casa di famiglia in legno ad Auckland

Richard Naish ha deciso di realizzare la casa per la propria famiglia in legno ad Auckland, in Nuova Zelanda. Si tratta di un progetto alternativo in una zona in cui le costruzioni in legno la fanno da padrona. A differenza delle costruzioni circostanti, però, la casa di Naish presenta una pianta ad E ed è progettata per garantire ampi spazi a tutta la famiglia composta da cinque persone.

Le costruzioni in legno, quindi, si presentano come una valida soluzione per la realizzazione di dimore di qualità e altamente resistenti, avendo allo stesso tempo un occhio di riguardo per l’ambiente circostante.

Photo:
Chicago: Perkins+Will
Auckland: Patrick Reynolds
Brasile: Studio MK27
Amburgo: Sauerbruch hutton

Urbanistica e design urbano: Reside Mumbai Mixed Housing

architettura urbanistica mumbai studio motterlo

Ogni anno Reside: Mumbai Mixed Housing premia il miglior progetto di urbanistica proposto per la riqualificazione delle aree meno sviluppate di Mumbai.

Nell’ultima edizione i partecipanti sono stati invitati a realizzare un progetto di sviluppo urbano misto volto a soddisfare contemporaneamente le esigenze della comunità di pescatori indigeni che vive in questa zona da oltre cento anni e della nuova popolazione demografica benestante che ha interessi sulla zona.

Design urbano inclusivo

Molti partecipanti hanno concentrato i loro progetti sull’idea di un design urbano inclusivo, tentando di garantire il benessere collettivo di tutti i suoi abitanti.

A vincere è stata una squadra di studenti dell’Istituto di architettura di Mosca, Reincarnation Network, che è riuscita a valorizzare le caratteristiche del villaggio esistente e le sue tradizioni.

In particolare si tratta di un progetto urbanistico basato uno schema flessibile, concentrandosi sulla rinascita anziché sulla reinvenzione del sito.

Il tessuto urbano della città di Mumbai, con un così grande background storico e culturale, dovrebbe quindi sperimentare un processo di rinascita salvaguardando lo spirito del luogo con il suo contesto e le sue tradizioni uniche.

Una pianificazione territoriale che vede la realizzazione di nuove tipologie di strutture che prendono spunto dalle forme e dai colori tipici della cultura indiana e li integra con quelli dei moderni centri urbani.

Il nuovo progetto di sviluppo urbano cresce dal villaggio di Worli Koliwada, salvando tutti i percorsi.

Il territorio è diviso in due parti:

  • gli alloggi di Worli flessibili, in aumento e trasformabili in strutture di quartiere, come scuola, biblioteca pubblica, piscina, giardino
  • il villaggio galleggiante di Koli, come porto turistico e tutti i servizi per la pesca.

Nel centro del territorio, il nuovo edificio storico e culturale unisce tutto il territorio e funge da museo e percorso turistico e pubblico, aprendo viste spettacolari e conducendo al nuovo tempio indù.

Le abitazioni sono state pensate per essere costruite sopra il livello di inondazioni per proteggere gli abitanti durante il periodo dei monsoni.
Le linee costiere del sito sono rinforzate e un sistema di frangiflutti viene eretto per proteggere la terra dalle onde e dalle inondazioni.

Una città segnata dalla diseguaglianza

Mumbai è una città tracciata dalla disuguaglianza nella distribuzione del reddito, che da sempre convive con due realtà segnate da differenze di opportunità e spazio. Una città con due anime, ognuna guidata dalla propria logica e dinamica urbana, il cui accesso alle infrastrutture deriva da un processo storico di caste e di distribuzione diseguale di diritti e opportunità.

Tra di loro un vuoto che si trasforma in uno strumento progettuale per conquistare il diritto allo spazio e alla cittadinanza;

un vuoto che rafforzando l’idea di vitalità, diversità e pluralità urbana nel processo di regolarizzazione del territorio, trasformando così la città in un luogo di interazione sociale.

Rispettare lo spazio vuoto è un atto di resistenza.

Un potenziale sociale che lascia all’architettura la possibilità di compiersi e la trasforma in uno strumento capace di percepire il potenziale sociale urbano dei luoghi inutilizzati, come una pratica e costruzione di sogni in grado di vedere nel vuoto una condizione di socialità.

L’esempio più eclatante il ponte,  tradizionale elemento monofunzionale sul mare, raggiunge qui un potenziale di abitabilità.

Proprio come i pescatori che vedono il mare come supporto vitale, questo progetto di sviluppo urbano include l’acqua nell’intero programma, non solo come un’infrastruttura, ma come una cultura abitabile.

Worli Koliwasa rischia di scomparire sott’acqua

Worli Koliwada è minacciata di scomparire sott’acqua a causa dei cambiamenti climatici. Il progetto ha lo scopo di documentare la situazione e sviluppare una pianificazione urbanistica in grado di supportare l’integrazione continua di terra e acqua.

Anche se la città e la storia saranno perse per sempre, sarà comunque ricordata grazie alla sviluppo in verticale del suo patrimonio.

I vincitore del “Reside: Mumbai Mixed Housing”, è riuscito a disegnare una pianificazione territoriale capace di dare nuova linfa ai centri abitati, mantenendo contemporaneamente storia e tradizioni.

Un modello da seguire anche nella realizzazione di tanti centri urbani indiani, al fine di diminuire le diseguaglianze e contribuire ad un sviluppo urbano inclusivo.

Fonte: Archdaily

Immagini: Moscow Institute of Architecture

Riqualificazione architettonica: le case luminose in Sicilia

Creare un dialogo tra con la natura è il concept che ha ispirato Tuttiarchitetti per la riqualificazione architettonica di due abitazioni nei pressi di Catania.

In entrambe i casi lo studio di architettura catanese ha individuato nella luce l’elemento ispiratore, che, attraverso un design che richiama la tradizione araba e quella mediterranea, riesce a essere schermata ma non soppressa, ma protagonista indiscussa dell’intera riqualificazione architettonica.

La riqualificazione architettonica di due case siciliane

Una è situata sull’Etna a Pedara, in mezzo al bosco, mentre l’altra sul Mar Ionio ad Acireale, a picco sul mare. Punto comune di queste due abitazioni è la riqualificazione architettonica degli ambienti, sia interni che esterni, in armonia con la natura circostante. Partendo da elementi mobili di legno molto semplici, gli architetti sono riusciti a dare un nuovo volto a due abitazioni risalenti agli anni 70 e 80, originariamente prive di personalità.

La casa di Pedara

La riqualificazione architettonica della casa di Pedara vede l’utilizzo di un manto di listelli che svolgono da filtro tra l’ambiente interno e il bosco, animando la casa con un gioco di luci che varia con il passare del tempo. Il sistema di frangisole di legno che circonda questa casa consente di regolare l’illuminazione naturale e inquadrare le vedute del bosco. Quando è completamente chiuso, inoltre, la luce filtra dalle porzioni vetrate del tetto.

La casa di Acireale

La casa di Acireale, invece, presenta una doppia parete di legno che ingloba il muro originario che divide lo spazio interno dalla terrazza. Quando le ante sono aperte la luce invade lo spazio interno con tutto il suo splendore. Quando è chiuso, invece, la luce filtra dalle vetrate del tetto. Simulando invece una vera e propria eclissi, si ha l’oscurità quando un ulteriore pannello scorrevole si frappone fra il sole e la casa.

Dialogo con la natura

Come già detto, entrambe le case sono accomunate da una riqualificazione architettonica basata sul dialogo con la natura. Partendo da questo spunto è possibile vedere le città sotto una nuova luce. Esse, infatti, possiedono la capacità innata di sapersi trasformare in continuazione, rinnovando, di volta in volta.

Partendo da questi due esempi di ristrutturazioni è facile capire come è possibile fare una riqualificazione architettonica rispettando la natura. Utilizzando i giusti elementi e predisponendoli in modo accurato, infatti, è possibile portare la natura nelle proprie abitazioni e allo stesso tempo non alterare il paesaggio circostante.

Fonte: Abitare.it

L’architettura all’interno del territorio

Arcipelago Italia: architettura e territorio

Mentre Renzo Piano ha posto l’attenzione sulle periferie, l’architetto Mario Cucinella propone di volgere il proprio sguardo anche nelle aree interne del territorio italiano, dove sono ugualmente presenti problemi come la mancanza di infrastrutture, animazione culturale e necessità di incentivare l’economia. Proprio in questo ambito l’architettura può svolgere un ruolo importante, grazie ad una riqualificazione del territorio che aiuterebbe a migliorare l’accessibilità di luoghi potenzialmente isolati, garantendo loro la fornitura di servizi essenziali.

Incaricato dal MiBACT a curare il Padiglione Italia alla Biennale Architettura 2018, l’architetto Mario Cucinella ha avviato un’indagine conoscitiva per selezionare opere realizzate, o in fase di realizzazione, sul tema Arcipelago Italia. Si tratta, in pratica, di un laboratorio dinamico che concentra le sue azioni nello spazio urbano rappresentato dalle aree interne del Bel Paese. Grazie a questa iniziativa, quindi, si sono potuti conoscere esempi concreti del ruolo che l’architettura contemporanea può svolgere all’interno di insediamenti distanti dai grandi centri urbani ed estranei alle dinamiche delle città metropolitane, che spesso sono percepiti come luoghi marginali e di passaggio, ma che possono invece riacquistare centralità nel dialogo tra nuove esigenze e stratificazione storica del paesaggio.

Il ruolo dell’architettura nelle aree interne del territorio

I progetti mostrati con Arcipelago Italia hanno in particolare posto l’attenzione su una questione: cosa può fare l’architettura per rilanciare le aree interne e per invertire la tendenza allo spopolamento? Indubbiamente molto e le opere della Biennale Architettura 2018 hanno messo in luce esempi architettonici che sono riusciti a risollevare le sorti di piccoli borghi ed incentivare l’economia e la coesione sociale. Si tratta di progetti che dimostrano come l’architettura si prenda cura del territorio e di come sia opportuno realizzare dei progetti che si basino sui seguenti punti:

  • Abitare: opere di architettura in grado di mettere in risalto l’armonia tra la componente umana e naturale del paesaggio.
  • Connettere: infrastrutture e reti che connettono i centri abitati , in modo tale da migliorare l’accessibilità di luoghi potenzialmente isolati, garantendo la fornitura di servizi essenziali.
  • Condividere: realizzazioni che hanno un impatto sul tessuto sociale di un luogo, con lo scopo di migliorare la qualità della vita e incrementare l’appetibilità per chi vorrebbe abitarvi.
  • Progredire: opere che favoriscono lo sviluppo dei settori produttivi locali, perseguendo il benessere e lo sviluppo delle comunità secondo un approccio in cui l’innovazione supporta e amplifica il valore della tradizione.

È chiaro, quindi, che l’architettura svolge davvero un ruolo fondamentale nella valorizzazione del territorio e ha un grande impatto sociale. Non bisogna più, quindi, intervenire solamente nelle periferie, ma ascoltare le vere esigenze delle persone e realizzare delle strutture grazie alle quali più nessuno sia isolato.

Fonte: Domus

Immagini:

Progetti urbani metropolitani: gli animali al centro

Ogni progetto urbano si basa su interventi volti a tradurre orientamenti di sviluppo economico, sociale e politico in un determinato spazio e ambito sociale. Si tratta in pratica di ricercare una complessità di funzioni urbane integrate che da sole non avrebbero la capacità di ottenere effetti rilevanti sulla società, se non integrati in complessi programmi di riqualificazione. Ciò che definiamo progetto urbano deve essere applicato ad una determinata e specifica porzione della città ed essere la risposta a domande locali e occasione di trasformazioni reali che fanno riferimento a specifici luoghi.

Proprio in questo contesto diventa sempre più forte il desiderio di realizzare progetti urbani in cui al centro vi siano gli animali. Nel secolo scorso, infatti, oltre il 50% degli animali del pianeta Terra è scomparso e pertanto molti progettisti iniziano a interrogarsi su come poter sviluppare nuovi piani in cui favorire la coesistenza integrata fra uomini e animali nelle nostre città.

Il progetto urbano di Parigi

A tal proposito, nel 2008, il progettista Andrea Branzi, assieme a Stefano Boeri, hanno proposto in occasione di un concorso indetto dall’allora presidente francese Sarkozy sul futuro della Grande Parigi, un programma d’intervento non espansivo sulla metropoli parigina, finalizzato al recupero e miglioramento degli spazi interni e sull’inserimento di 50 mila vacche sacre e 30 mila scimmie, liberi di girovagare nei parchi e viali di Parigi, in mezzo agli umani. Il modello alla base di questo progetto urbano prende spunto dalle metropoli dell’India, dove vacche sacre, elefanti e cammelli vivono in città assieme agli uomini. La presenza di animali liberi all’interno di un contesto urbano aiuta a ridurre lo stress e costringono a rallentare il ritmo. Può infatti capitare di vedere una vacca attraversare la strada ed essendo sacra bisogna prestare attenzione a non investirla. In primis, perché si rischia di essere multati, ma anche perché secondo la tradizione locale porta sfortuna. Questo porta di conseguenza a rallentare il proprio ritmo di vita e prestare maggiore attenzione quando ad esempio si guida.

Un modello da esportare

Oggi nelle città europee inizia a verificarsi un fenomeno per certi versi simile. Molti animali selvaggi, infatti, si spingono sempre più spesso nelle città in modo tale da poter accedere più facilmente al cibo, ma anche come conseguenza dell’espansione delle città, che ha ridotto di molto gli spazi liberi a loro disposizione. Ne sono un esempio Roma con i cinghiali, Los Angeles con i lupi e Londra con il problema delle volpi.
Si tratta quindi di elementi imprevedibili che dovrebbero essere inseriti nella definizione dei nuovi progetti urbani. L’identità della città, infatti, non è fatta solamente da monumenti e palazzi, ma soprattutto da chi ci vive. Il progetto di inserire degli animali in metropoli come quella parigina deve essere considerata come una possibilità concreta e fattibile. Gli animali, infatti, diventano parte integrante del sistema e la capacità di convivere con loro aiuterebbe a migliorare le relazioni con ciò che si ha intorno.

Si tratta quindi di un modello da esportare in tutti i progetti urbani, al fine di tutelare gli animali e rispondere all’esigenza della società moderna di rallentare il ritmo e risolvere i problemi nati proprio dalla costruzione di città avvenuta mediante piani attuativi separati.

Fonte: Domus